Il mondo del ciclismo piange Albino, aveva solo 61 anni

Il presidente del Pedale Santegidiese-Team Stipa Milano si è spento all’ospedale di Ascoli a causa del Covid

Si allunga ancora la lista delle vittime del Covid nelle Marche. Questa volta è il mondo del ciclismo regionale e nazionale che piange la grandissima figura di Albino Di Matteo. Il 61enne, di Maltignano, si è spento all’ospedale di Ascoli dove stava lottando proprio contro il Coronavirus.

Storico dirigente e organizzatore di competizioni ciclistiche, era conosciutissimo nel panorama del ciclismo giovanile nazionale essendo anche il presidente e fondatore del Pedale Santegidiese – Team Stipa Milano e scopritore di giovanissimi talenti delle due ruote. Anche in piena emergenza sanitaria il ciclismo è andato avanti e da quanto si apprende, sembrerebbe che Albino possa essere stato contagiato proprio durante una trasferta per una gara ciclistica.

Le esequie sono in programma oggi pomeriggio alle 14.30 presso la chiesa di San Giuseppe a Paolantonio di Sant’Egidio alla Vibrata, nel rispetto delle attuali normative anti Covid-19 che prevedono un numero strettamente limitato di presenze.