“Il mercato? Ricordo che prima si gioca: con la Carrarese partita delicata”

SERIE C – Il dg della Fermana Conti alza i fari sulla gara: al Recchioni è uno scontro diretto per la salvezza

Lunedì alle ore 20 il triplice fischio all’Hotel Sheraton in San Siro sancirà la fine del mercato. La Fermana qualcosa dovrà fare – probabilmente niente di trascendentale -, ma in mezzo a tante distrazioni il dg Fabio Massimo Conti ha schioccato le dita per attirare l’attenzione.

“Ricordo a tutti che domenica si gioca. E’ ora di pensare alla gara. Al Recchioni arriva la Carrarese e per noi è un confronto delicato, una partita a scacchi da prendere con le molle – le parole del dirigente -. Vogliamo tornare a far punti, ma come dico sempre in primis queste gare non bisogna perderle. Dopo la partita io e il ds Scala saliremo a Milano”.

In realtà Conti ha già fatto tappa allo Sheraton in questi giorni per sondare il terreno. “Non c’è stato molto movimento, lo confesso, con la pausa dei campionati i dirigenti delle squadre di Serie A e B non si son visti, è una sessione particolare, statica per le medio-piccole. Tutto si farà nelle ultime 48 ore”.

Il dg ha confermato che l’olandese Bolsius potrebbe rivelarsi una pedina di scambio (“Il ragazzo è stato notato anche da società degli altri gironi”, ndr), come pure l’intenzione di prelevare degli under per poter puntare al minutaggio dei giovani monetizzando. Al momento in rosa sono solo 5 gli under. Con la Carrarese ci saranno i margini per schierarli? “Non entro nelle scelte, ma direi di sì se Pannitteri e Rodio avessero recuperato una buona condizione. Poi ci sono Alagna, Nepi e l’ultimo arrivato Kyeremateng. Voglio sottolineare un fatto: i nostri giovani hanno giocato perchè se lo sono meritato, non certo perchè sono stati avvantaggiati dal loro status. Sono calciatori per noi importanti. Il fatto che ora siamo alla ricerca di ancor più giovani non va visto come un segnale di ridimensionamento”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana