“Il gol mi mancava, iniziavo a sentire un peso: Ancona ha i mezzi per farsi rispettare”

SERIE C – Parla l’attaccante Federico Moretti in rete con l’Alessandria, è un fedelissimo di Micciola

Sabato scorso è stato schierato al posto di Spagnoli e magicamente ha ritrovato il gol con la maglia dell’Ancona affossando definitivamente l’Alessandria. Ha dimostrato di cavarsela bene anche da punta centrale Moretti, fedelissimo di Colavitto con cui lavora insieme da quattro stagioni, fin dai tempi del Matelica in Serie D. “Per un attaccante il gol è importante e non segnando da tante partite, a volte per sfortuna altre per errori miei, iniziavo a sentire un peso. Volevo tornare a esultare e ci sono riuscito credendo in quel pallone”.

“L’assenza di Spagnoli si fa sentire, essendo un elemento dalle caratteristiche insostituibili per il nostro gioco, ma abbiamo dimostrato di saperci adattare”. Ha commentato così il sigillo del 2-0 Federico Moretti, ariete di un’Ancona che ha riscoperto anche la duttilità di D’Eramo. “Michael è un giocatore molto duttile che si adatta alla perfezione a diversi ruoli. All’occorrenza può rappresentare una valida alternativa là davanti”. L’obiettivo per le ultime tre partite prima della sosta natalizia è presto dichiarato.

Dobbiamo puntare a fare più punti possibile. Affronteremo avversari validi come Rimini, Recanatese e Siena, ma abbiamo i mezzi per farci rispettare”. Lo scopo personale è invece quello di continuare a segnare con continuità. “Lo scorso anno arrivai a 8 gol – ha concluso Moretti -. Mi piacerebbe ripetermi e perché no migliorare il bottino. Per qualche partita dovremo fare a meno di Spagnoli, ma chiunque giocherà al suo posto farà in pieno il suo dovere”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS