Il Fano può crederci: concrete chance di ripescaggio in C, la società si attiva

Se dovesse essere confermata almeno una delle due bocciature per Lecco e Reggina i granata volerebbero: Alcione e Nardò non hanno lo stadio

Con la vittoria dei playoff di Serie D, quelli reputati poco utili, il Fano può aver invece fatto il colpo grosso. Trionfando a Senigallia grazie alla punizione di Nappello – nel frattempo passato al Ravenna – i granata si sono messi in posizione privilegiatissima nella lista dei ripescaggi. Ed ora le chance di fare la C nel prossimo campionato sono cospicue.

La Covisoc durante la scorsa settimana ha infatti bocciato Siena – non ha speranze – in C, e Reggina e Lecco in B. Al posto dei toscani verrà ripescata l’Atalanta Under 23, poi spazio ad una squadra proveniente dalla D. Se almeno una delle due bocciature tra Reggina e Lecco venisse confermata, il Fano volerebbe. Sì, perchè tra le squadre di D il team del presidente Russo è dietro soltanto all’Alcione Milano e al Nardò, che però non hanno lo stadio a norma: non sono ammesse deroghe strutturali per le ripescate.

E così, con un Mancini già tarato dalla Serie C fatta di recente, il Fano può pregare e leccarsi i baffi. Qualche lavoretto sull’impianto bisognerà farlo ma la società con il comune si è già attivata. I tempi per i ripescaggi non sono brevi – ci saranno infatti diversi gradi di giudizio per i ricorsi delle bocciate – ma l’attesa aumenterà il desiderio. Tra fine mese e inizio agosto le novità, ma intanto il Fano deve preparare un assegno da 300mila euro a fondo perduto (sarà incassato dalla Lega solo in caso di “promozione” in C) oltre a rispettare delicati passaggi burocratici.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS