Il commovente addio a papà “Checco”: morto a 43 anni in un incidente

(Foto di Federazione Anarchica Jesi)

Vittima della tragedia avvenuta ad Offagna. Lascia la moglie e due figli

di Marica Massaccesi

Tanti messaggi di cordoglio per Francesco Contigiani, il 43enne rimasto vittima di un tragico incidente ad Offagna nella tardo pomeriggio di martedì 12 gennaio (leggi). Lascia la moglie Magda, i suoi due piccoli figli, Zeno e Argo, e la mamma Annamaria.

“Era un nostro compagno. Il tragico incidente di cui è stato vittima nella serata di martedì ha strappato via una vita ed un affetto alla sua famiglia, a noi, suoi compagni anarchici, ai suoi colleghi di lavoro ed ai suoi amici” – scrivono in una nota CSL “Luigi Fabbri” di Jesi della Federazione anarchica Italiana – Non sarà facile senza di lui. Viene da pensare che sarà un mondo ancora più brutto senza “Checco”, ma dal canto nostro, l’unico omaggio che possiamo fargli è di continuare a lottare e a sperare di essere in grado di renderlo migliore. Ci mancherai tremendamente Checco, per questo continueremo a tenerti al nostro fianco. Ciao compagno”.

Da anni Francesco Contigiani era parte integrante del gruppo anarchico di Jesi e del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri e amava il basket. Era stato anche giocatore del Gruppo Sportivo Adriatico Basket Ancona. “Non so darmi una risposta ma ogni volta che avevo modo di parlare con te o pensare a te mi veniva in mente Iggy Pop – scrive l’amico Marco Mainardi – Non ricordo nessun momento o nessuna immagine di te che non sia con il sorriso. Anche nella peggiore delle situazioni in cui magari ci si trovava per strada da ragazzi chiudevi al massimo con una risata. Le nostre strade quasi inevitabilmente si sono divise ma ci sono cose di te e con te che rimarranno indelebili come le discese con sci sulla neve al Tonale. Buon viaggio amico.