Il Centro GiovArti compie dieci anni, quattro giorni di festa a Centobuchi

Dal 4 al 7 aprile

Il centro Centro GiovArti di Monteprandone festeggia i dieci anni di attività. L’amministrazione comunale di Monteprandone ha organizzato quattro giorni di eventi per celebrare i due lustri della struttura nata come centro di aggregazione giovanile dove poter esprimere la propria creatività attraverso i linguaggi dell’arte e della cultura. Dal 4 al 7 aprile numerose le iniziative programmate per festeggiare la ricorrenza insieme alla cittadinanza.

Si parte giovedì 4 aprile con l’avvio del progetto di arte partecipata “Tutti al muro per la pace”, edizione zero del Monteprandone Urban Social Art (MUSA), festival di street art che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare questa forma artistica, offrendo spazi piccoli o grandi all’arte, portando la creatività sui muri di Monteprandone e Centobuchi.

L’edizione zero, curata dalla cooperativa sociale Pagefha, in collaborazione con il Centro di animazione e socializzazione pomeridiana Airone per bambini in età scolare, il Centro socio, educativo e riabilitativo diurno La Clessidra per adulti, la cooperativa Medihospes e l’Auser Insieme Monteprandone, si terrà dal 4 al 16 aprile al Parco della Conoscenza dove i partecipanti, sotto la direzione artistica dello street artist milanese Cristian Sonda, contribuiranno a realizzare il primo “murale partecipativo” del territorio.

Venerdì 5 aprile, alle ore 17, nella bibliomedia, ci sarà un “Girotondo di libri”, incontro di letture condivise e promozione della lettura in famiglia in età prescolare di Nati per Leggere, realizzato in collaborazione con i volontari e le volontarie Nati per Leggere della Provincia di Ascoli Piceno e le educatrici del nido comunale della Cooperativa Sociale Pagefha.

L’iniziativa pedagogica e culturale promossa dall’azione congiunta dell’Associazione Italiana Biblioteche, dell’Associazione Culturale Pediatri e del Centro per la Salute del bambino che coinvolge i bambini e le bambine di età compresa tra 0 e 6 anni, dal presidio Nati per Leggere presente presso i locali del nido comunale, si sposterà al GiovArti dove è anche stato allestito uno scaffale tutto dedicato ai più piccoli.

Sabato 6 aprile, alle 18, si terrà la cerimonia di intitolazione della sala esposizioni all’artista Nazareno Luciani, prematuramente scomparso lo scorso anno.  Sambenedettese di nascita, monteprandonese di adozione, Luciani è stato pioniere dell’arte contemporanea a Monteprandone dove negli anni ’80 ha aperto, nel borgo storico un laboratorio d’arti visive, denominato poi spazio mOHOC, intorno a cui ha saputo riunire giovani artisti emergenti, supportandoli nella scoperta della loro identità artistica.
Molto vicino alla corrente artistica della transavanguardia italiana, oltre ad essere autore di numerose opere artistiche esposte in mostre nazionali di notevole prestigio culturale, è stato un instancabile scopritore di giovani talenti, che si formavano nei licei artistici e nelle Accademie di Belle Arti.

Quegli stessi artisti sono diventati protagonisti di numerose collettive di arte contemporanea che Luciani allestiva all’interno del GiovArti, valorizzandone appieno la sua naturale funzione. Ha fondato altresì l’Associazione culturale “Officina San Giacomo”, partner fondamentale per l’attività culturale del Comune.

La quattro giorni si concluderà domenica 7 aprile, con la proiezione delle pellicole del regista Ernesto Vagnoni, realizzate negli anni sul territorio di Monteprandone con la partecipazione di cittadini e cittadine:i cortometraggi Oltre il gol, L’eroe invisibile, Puzzle e Zero Spreco, il lungometraggio Finché c’è il sole e il documentario San Giacomo. Dalle terre della Marca al Mondo. Inizio proiezioni ore 15, presso la sala audiocinema.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS