“Il Ballarin è una bruttura da demolire”, Pasquali rispolvera il progetto di Gaspari

Curva Nord Ballarin

“La nostra idea non esclude Il Parco sul Mare di Marcozzi, che potrà essere sviluppato in seguito”

E’ urgente demolire il Ballarin: un tappo al confine tra San Benedetto del Tronto e Grottammare“. Non usa mezze misure Umberto Pasquali, ex calciatore della Samb e candidato consigliere con la civica Rinascita Sambenedettese-0735, che sostiene il candidato sindaco Antonio Spazzafumo.

“Il vecchio stadio – continua Pasquali – è da eliminare completamente. Va realizzata una strada al centro, un parcheggio sul lato mare e verde di quartiere sul lato ovest. Questo progetto andrebbe sviluppato nell’immediato. Quando poi si rivedrà il disegno della città nel suo insieme, potremo fare un concorso di idee e dare una destinazione a quell’area, che va inserita nella globalità del territorio non pensarla solo come un parco, in quanto rimarrebbe isolato e inutilizzato. Oggi il Ballarin è da buttare a terra”.

Il candidato sindaco Spazzafumo ha tuttavia firmato la proposta del Parco Inclusivo sul Mare del comitato di Fabrizio Marcozzi. “La nostra idea – insiste Pasquali – non esclude quella di Marcozzi, che potrà essere sviluppata successivamente”. Perché? “Perché richiederà  tempo, in quanto si  dovrà lanciare un concorso di idee e poi fare il bando pubblico. Non si può vedere più quel tappo. Se togli quella bruttura, buttando giù la curva nord e la sud, hai una strada libera da via Colombo a  piazza Kursaal”. La proposta di demolire il Ballarin e creare un vuoto urbano fu sponsorizzata dall’amministrazione di centrosinistra del sindaco Gaspari, ma fu accantonata anche perché non fece proseliti.

LE ULTIME NOTIZIE DA SAN BENEDETTO

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia