“I giovani fuggono dalla città per colpa di amministrazioni incapaci”, stoccata di Rinascita Sambenedettese-0735

La proposta: “Una rete di fontane pubbliche per mitigare il caldo, a beneficio degli anziani”

Cinque liste civiche appoggiano il candidato sindaco Antonio Spazzafumo. Oggi tocca a Rinascita Sambenedettese-0735 presentare gli aspiranti consiglieri comunali.

“I partiti che rappresentano la città sono un fallimento totale”, tuona Vincenzo Amato. “I nostri candidati hanno provenienze diverse – spiega Amato – e vogliono una città innovativa che non caccia i propri figli. I nostri giovani non restano più a San Benedetto, dove non possono coronare le loro aspirazioni, vanno all’estero a costruire il loro futuro. Alle elezioni del 3 e 4 ottobre non dovremo sbagliare, né noi né gli altri candidati della coalizione di Spazzafumo. Siamo cinque liste che hanno lo hanno scelto. Non si interessava di politica, ma ha avuto il coraggio di mettersi a disposizione della città, sia con la sua esperienza da imprenditore sia con il suo impegno nel sociale e altri settori. I candidati si sono messi in gioco e non hanno avuto paura delle pressioni ricevute”.

I candidati consiglieri hanno prodotto idee utili al programma. Lina Lazzari, già presidente del Consiglio comunale, ha esposto una cascata di progetti, dalla valorizzazione del Paese Alto, al nuovo Piano regolatore del porto, nonché la creazione di una rete di fontane pubbliche. “E’ risaputo che il clima – le parole della Lazzari – tende ad innalzarsi e i cittadini anziani sono in aumento. Ebbene: una rete di fontane in Riviera contribuirebbe a mitigare il caldo e benefici alla popolazione anziana”.

Umberto Pasquali, deluso per la città sporca e degradata, ha proposto la demolizione dell’ex stadio Ballarin e la creazione della cittadella dello sport in zona Brancadoro. “I nostri predecessori – ha dichiarato – hanno avuto ragione a vincolare l’area cerniera tra Porto d’Ascoli e San Benedetto. Un polmone verde dove non si è costruito, lasciando a noi contemporanei l’opportunità di vedere sorgere un centro sportivo polifunzionale senza nuovi appartamenti”.

Paolo Piattoni punta a valorizzare la zona industriale al confine con Acquaviva Picena e quella di Porto d’Ascoli. “Dopo la crisi del 2008 le aree sono andate in depressione economica, non ci sono più le attività artigiane di quarant’anni fa e neppure le grandi aziende come l’Italiana Manifatture. Abbiamo capannoni industriali che sono vuoti e l’amministrazione attuale non riesce a portarvi servizi costanti come lo smaltimento dei rifiuti, perché hanno costi elevati e non ci sono aziende che pagano le tasse. La zona industriale al confine con Acquaviva andrebbe ripensata in collaborazione con il Comune collinare, cambiando la destinazione d’uso agli opifici dismessi e incassando gli oneri di urbanizzazione”.

 

Questi i 24 candidati di Rinascita Sambenedettese-0735: Vincenzo Amato, Antonio Angelini, Rosa Barba, Patrizio Barbizzi, Romina Bucci, Cristiano Camela, Martina De Renzis, Ahmed El Mahgiubi, Pasqualina Lazzari detta Lina, Sofia Linfozzi, Marco Mancini, Giorgio Panichi, Umberto Pasquali, Paolo Piattoni, Federica Pignotti, Giuseppe Ricci, Stefano Rossi, Sofia Sebastiani, Roberto Giovanbattista Tomassini, Dovile Busilante, Cristian Felicetti, Marcello Bianco, Marco Merlini, Marino Liodori.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi