Hamlili chi? C’è Urbinati: Cognigni-gol con dedica e quei cambi di Cornacchini…

PAGELLE FERMANA – Ottima prestazione dei canarini a Gubbio (1-1). “Rigore per loro sconcertante”, l’ha definito Jo Condor

di Lorenzo Attorresi

Ginestra 6.5: la parata sul colpo di testa di Pellegrini, sul cui proseguimento l’arbitro fischierà un rigore “sconcertante”, così come l’ha definito Cornacchini, vale da sola il prezzo di un biglietto che nessuno ha pagato (stadi a porte chiuse da oramai un anno), e questo è un peccato. 42 anni e non sentirli.

Rossoni 6.5: finalmente nel suo ruolo, non delude giocando con la solita precisione. Un neo? Fedato, dalla sua parte, si procura lo spazio per crossarla: presupposto per il penalty. Ma se adesso non si può concedere nemmeno un traversone è meglio se cambiamo tutti mestiere… A fine partita si alza in fascia, dove ha il tempo per confezionare un buon cross.

Manetta 6.5: il soldato stavolta è sempre sull’attenti.

Scrosta 6: la colpa? Forse quella di non “sentire” Pellegrini che gli salta alle spalle chiamando Ginestra al primo intervento. Sul successivo pallone vagante, Edo ci mette la spalla. No, non basta questo per dare una massima punizione. Rigore che non sta nè in cielo nè in terra (leggi la cronaca di Gubbio 1-1 Fermana)

Mordini 7: le gambe girano, la testa pure. E’ quella che mette un paio di volte per liberare la sua area da palloni minacciosi. Bella prestazione.

Iotti 7: Osvaldo Jaconi, in D, da punta esterna lo iniziò ad abbassare perchè “non aveva numeri. Pochi gol, pochi assist, pochi rigori procurati”. Così diceva il Comandante. Terzino o a tutta fascia con Destro, addirittura trequartista o mezzala (follia) con Antonioli, finalmente esterno con Cornacchini. Ilario non soffre più di “labirintite” e ricomincia a determinare. Sua la palla per Cognigni che pronti via spara in porta, sua la punizione da cui scaturisce il gol, suo il cross per Cais che di testa, a inizio ripresa, non riesce a siglare il 2-0. Tanta corsa su e giù, qualche pallone potrebbe gestirlo meglio ma siamo umani. Perchè è stato sostituito? Problema fisico? Altrimenti è inspiegabile.
De Pascalis (21’st) sv

Hamlili e lo scontro con Mordini

Urbinati 7: Hamlili chi? Urbone, di fronte all’ex Bari che ha scelto Gubbio, sfodera la sua miglior prestazione stagionale. Uomo ovunque, aggredisce coi tempi giusti, ruba palloni e rilancia. Peccato per quell’occasione che si crea a inizio ripresa. Aveva sfondato centralmente, doveva finalizzare meglio. Doppia chance per il 2-0, considerata pure la testata di Cais qualche secondo dopo. E invece… Ps: Hamlili, mezzala destra nello schieramento del Gubbio, ha mostrato ordine e qualità. Sul finire del primo tempo si è scontrato con Mordini (tibia vs tibia) ed è stato costretto al cambio.

Graziano 6: solito contributo energico e atletico.
Grossi (34’st) sv

Neglia 6: la prima occasione è sua, si libera dell’avversario e sceglie il tiro pretenzioso invece del cross. Raddoppia sugli esterni avversari ed è encomiabile. Sale in cattedra dopo l’1-1, con un cross per Cognigni e con un’altra azione simile dove però rallenta troppo. L’assist arriva tardi e solo un intervento maldestro del difensore per poco non lo trasforma in gol.

Cognigni 7: gol con dedica alla Totti, con dito in bocca per la sua Ludovica appena nata. Tap in sporco e gioia pulita. Sfiora pure la doppietta del 2-1, oltre a proporre il consueto lavoro dispendioso. Stanco per l’Imolese? Domenica dovrà giocare ugualmente.

Cais 5.5: rimandato nel primo tempo (sbaglia molto e gira a vuoto), lancia segnali nella ripresa. In area dimostra di sapersi muovere, anche se di testa manca il raddoppio. La stoffa per rivederlo, comunque, c’è.
Cremona (34’st) sv

Cornacchini (all) 7: sta facendo un capolavoro, unico vero artefice della trasformazione di questa squadra che mai sbaglia atteggiamento. Ma quando qualcuno cala, si guarda in panchina e si fa il segno della croce. Vice Cognigni? Non c’è. Esterno di centrocampo? Non c’è, anche perchè Boateng e Demirovic, adattabili, sono infortunati (fino a maggio?). Ecco perchè sostituisce Iotti con De Pascalis, 22 partite in C, che le cose migliori le ha fatte da centrale di difesa. Rossoni si alza ma non è la stessa cosa. Con l’Imolese la squadra avrà lo stesso vigore? Mancano solo 4 giorni. Si recupererà comunque D’Anna dalla squalifica. Un minuto di silenzio per tutti gli spettatori non paganti che…”Ci manca il regista”. Fatevi bene i conti.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana