Giovani irregolari sul territorio nazionale al lavoro in un forno: denunciati

Intensificati i controlli del territorio

CARABINIERI DI FERMO: INTENSIFICAZIONE DEI CONTROLLI DEL TERRITORIO, DUE INDIANI IRREGOLARI IMPIEGATI IN UN FORNO DENUNCIATI INSIEME AL TITOLARE DELL’ESERCIZIO, PER LA VIOLAZIONE DELLA LEGGE SULL’IMMIGRAZIONE.

Ieri mattina, i militari della Stazione di Monte San Pietrangeli nel corso di un servizio di controllo del territorio, nel comune di Rapagnano hanno rintracciato due giovani indiani di 29 e 22 anni; entrambi impiegati illecitamente come operai in un forno e che, a seguito di verifiche effettuate sulle banche dati di polizia, sono risultati irregolari sul territorio dello Stato italiano, privi di qualsivoglia documento utile a garantire una lecita permanenza in Italia.

I due sono stati inviati all’ufficio immigrazione della Questura di Fermo per la regolarizzazione della loro posizione sul territorio nazionale e denunciati all’autorità giudiziaria per la violazione della legge sull’immigrazione. La posizione del gestore del forno è al vaglio degli inquirenti per la successiva segnalazione, per le norme di legge violate, alla competente Autorità Giudiziaria.

I servizi dell’Arma di Fermo per il contrasto a tutte le forme di illegalità, tra cui l’immigrazione clandestina ed il relativo eventuale sfruttamento del lavoro nero, continuano senza sosta anche con il supporto del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Ascoli Piceno e saranno oggetto di specifici e mirati servizi al fine di tutelare l’economia locale e la dignità delle persone esposte a tali fenomeni di sfruttamento.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana