Giovane ai domiciliari dà in escandescenza e devasta l’appartamento: mamma chiama i soccorsi

Il ragazzo è stato portato all’ospedale per le cure del caso poi riaccompagnato a casa

Durante la notte i poliziotti sono intervenuti nei pressi di via Pietralacroce ad Ancona su segnalazione di una donna che riferiva di un giovane che aveva dato in escandescenza.

La donna, italiana di circa 60 anni, ha riferito agli agenti che suo figlio, italiano di circa 20 anni, aveva dato in escandescenza all’interno della loro abitazione ed aveva devastato l’appartamento. Il ragazzo, in regime di detenzione domiciliare all’interno dell’abitazione che condivideva con sua mamma, non era nuovo a questo tipo di atteggiamenti e la donna ha riferito che spesso avevano avuto dei litigi sempre solo verbali: si diceva solo preoccupata che, nell’occasione di ieri, il giovane potesse sfogare la sua rabbia anche verso di lei.

I poliziotti, una volta entrati dentro l’abitazione, avevano appurato lo stato di ansia e di agitazione del giovane che alternava momenti di pianto a momenti di isteria, proferendo frasi sconnesse e decontestualizzate. Dopo un po’ gli agenti sono riusciti a parlare con il 20enne che ha iniziato a parlare: ha raccontato di aver avuto uno momento d’ira durante il quale, non riuscendo a contenere la sua rabbia, si era scagliato contro il mobilio presente nell’appartamento. Aveva danneggiato porte, finestre e specchi, scagliando stoviglie e suppellettili in ogni stanza della casa. Visto lo stato in cui era il giovane, gli agenti hanno allertato il personale sanitario del 118 che lo ha trasportato all’ospedale regionale di Torrette per le cure del caso. Riportato alla calma, il ragazzo è stato riaccompagnato alla sua abitazione.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS