Giornataccia per Gondo e Buchel, Dionisi prova ad alzare i giri del motore

SERIE B – Le pagelle dell’Ascoli nella sconfitta contro il Venezia

LEALI 6: Due ottime parate, una in cui inchioda a terra il tiro di Milanese e l’altra dove mette reattività dopo la deviazione di Buchel. Sul gol può veramente poco.

DONATI 6: Un tiro che sarebbe quasi indirizzato all’incrocio e che Joronen smanaccia in corner con la mano di richiamo. Alcuni bei anticipi che ricordano quello di Cagliari e qualche minima sbavatura che può starci.

66′ ADJAPONG 6: Salva sulla linea un gol anche se comunque alla fine viene fischiato fuorigioco. Ingresso di presenza. Sarà ovviamente genuino il suo rientro in fascia.

SIMIC 5,5: Monumentale per tutta la gara su Pohjanpalo poi però è lui a perdersi uomo e posizione su Carboni che piazza purtroppo per l’Ascoli il piattone vincente della partita.

BOTTEGHIN 6,5: Solito monumentale, fa quasi ridere pensare che con le sue incursioni palla al piede abbia creato i maggiori grattacapi in fase di sviluppo alla retroguardia lagunare.

FALASCO 5,5: Qualche sbavatura difensiva e parecchi cross che però non trovano mai nessuno sul secondo palo pronto a colpire. Sarebbe da capire quanti siano stati effettivi errori e quanti invece persi per il poco accompagno in area. Ne esce una gara incartata.

COLLOCOLO 5,5: Nel primo affondo dove invece ricama sul pallone si poteva intuire una giornata dura. Non brilla in entrambe le fasi di gioco. (78′ PROIA s.v.)

BUCHEL 5: Lanci che non trovano Gondo, qualche appoggio con i tempi che rallentano la corsa offensiva della squadra. Per un metronomo sono forse gli errori più gravi. Non una super partita neanche in contenimento.

66′ GIOVANE 5,5: Questione dei parastinchi a parte, non è al prima volta, non riesce ad incidere con la sua freschezza mostrata comunque nelle ultime giornate.

CALIGARA 5,5: Certo, se quel tiro invece che sul palo fosse finito qualche centimetro più all’interno staremmo forse parlando di un voto leggermente più alto. Tuttavia, fraseggi a parte con Collocolo e Falzerano, si è visto davvero poco in qualità.

FALZERANO 6: Svaria da destra a sinistra e fino all’ingresso di Dionisi è l’uomo che cerca di farci capire meno alla retroguardia del Venezia. Fa le cose sempre giuste? No. Non si ferma mai? Si. Impegno indiscutibile. (78′ MARSURA s.v)

FORTE 5,5: Un colpo di testa alto rimane la sua unica occasione della partita. Ne prende davvero pochi di palloni, così come viene servito con il contagocce.

56′ DIONISI 6: Sbarca al Del Duca per creare almeno qualche occasione vera, con veri tiri in porta. Dribbla da solo la difesa per calciare poi addosso a Joronen. L’unico a creare “disordini” veri agli avversari.

GONDO 5: Impalpabile. Sui palloni in profondità non riesce ad avere il tempismo d’attacco nello spazio, con quelli addosso fa una fatica tremenda a scaricare nell’opzione più giusta. Giornata da dimenticare per l’ivoriano.

All. BREDA 5,5: Voleva una squadra che attaccasse la porta, c’è stata. Però non con la cattiveria di chi si presenta ad un doppio impegno casalingo per chiudere forse la questione salvezza. Ed ecco che ci scappa la sconfitta inguaiante. Gondo-Forte non funziona, al netto delle condizioni fisiche di Dionisi. Restano poche le carte sulla trequarti e le mezzali, diciamocelo, stanno iniziando a soffrire un po’ di naturale stanchezza. Adesso servono le idee.

Matteo Rossi
Author: Matteo Rossi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS