Game over Domizzi col dejavu silenzio stampa: Fermana, chi arriverà?

Frediani, Domizzi, Urbinati

SERIE C – Post Modena fatale a Maurizio come accadde a dicembre per Antonioli. Strada scontata, ma la società ci deve mettere la faccia. Toto-successore: Destro bis?

di Lorenzo Attorresi

Fasi concitate al fischio finale

Domenica sera solitamente è sinonima di…pagelle. Alla fine di Fermana 0-4 Modena, no… Cambio di programma. Giusto un accenno alla partita per risolvere alcuni dilemmi. Perchè, a gara praticamente terminata, non è entrato Cognigni bensì Nepi? Perchè in quel caso, uscendo Rovaglia – ossia un under -, era lecito far entrare un altro giovane – come Nepi – per poter continuare a far minutaggio e attingere ai contributi federali. Perchè poi il 2002 Lovaglio? Sempre per questioni legate al minutaggio: l’ex Torino è stato l’under che ha sostituito l’over – Frediani – strategia necessaria per superare la soglia dei 271 minuti dei giovani richiesti quando parti con tre under titolari (90′ x 3 titolari sostituiti da altri under = 270′, + 1…). Perchè poi, l’ostracismo verso Graziano? Chissà. Sta di fatto che al posto dell’infortunato Urbinati è entrato Mbaye, pessimo proprio come domenica scorsa, al posto di Capece è entrato addirittura…Grossi che lo scorso 31 agosto era in partenza ma è rimasto a Fermo perchè non aveva mercato. A proposito di Urbinati, l’ennesimo ko muscolare della rosa impone riflessioni. Capitolo chiuso.

Parliamo di cose serie, adesso. Silenzio stampa, quello che la società ha imposto a fine gara ai tesserati, a Fermo è sinonimo di…esonero. Due volte negli anni recenti è accaduto, per due volte son saltati Destro e Antonioli. Mister Domizzi farà la stessa fine? La strada appare segnata. Al di là del disastro con il Modena – ma davvero si poteva far meglio??? – la società di Domizzi non era contenta. Giusto, però, che il dg Fabio Massimo Conti ci metta la faccia. Oggi, di fronte ai microfoni, ci doveva essere lui, mentre il Recchioni insorgeva. E invece no…

A Fermo, intanto, è già partito il toto-nome. Chi arriverà al posto di Domizzi? Scelta da non sbagliare. Una sarebbe di cuore. Che torni Flavio Destro? Colui che a Fermo ha scritto la storia deve però prima “far pace” con la società e con la vecchia guardia dopo l’esonero di quasi due anni fa. Un’altra sarebbe stuzzicante. Eziolino Capuano? Il vulcanico campano, uno che ribalta gli spogliatoi, è un profilo interessante ma c’è un ostacolo forse insormontabile: la presenza di Nicolò Sperotto, che qualche anno fa azionò play per registrare lo sfogo di Capuano dopo un’amichevole persa dall’Arezzo contro una Promozione. Nel calderone anche il solito Riolfo, ma anche opzioni “interne” come Gianluca De Angelis – ora nei quadri del settore giovanile – o Dario Bolzan – l’ex capitano mai dimenticato -. Di tecnici, comunque, ce ne sono in quantità industriale, proprio come quest’estate. Stavolta non bisognerà fallire.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia