Furia Vis Gubbio, impossibilitato a giocare: l’Eta Beta Fano rifiuta il rinvio e vola alle Final Eight

CALCIO A CINQUE, COPPA ITALIA UNDER 19 – La società umbra: “Non avevamo il numero minimo di giocatori a disposizione, siamo profondamente delusi”

Avrebbe dovuto giocare questa mattina in quel di Fano, ma la Vis Gubbio rimasta senza giocatori tra squalifiche e quarantene non ha ottenuto il rinvio della gara da parte dell’Eta Beta Fano. Un rifiuto che ha mandato su tutte le furie la società umbra che non ha esitato a raccontare quanto accaduto sulla propria pagina Facebook.

“La Società ASD Vis Gubbio comunica che a malincuore è costretta a rinunciare, non avendo il numero minimo di giocatori a disposizione, al terzo turno di Coppa Italia Under 19 in programma domenica mattina a Fano contro l’Etabeta C5. Tre casi Covid , 2 negativizzati ma ancora non arruolabili secondo i protocolli FIGC, il portiere Pascolini che ha subito la frattura del malleolo peroneale e Naticchi che domenica si è fratturato il polso, oltre ad 1 squalificato, non ci permettono di partire. Abbiamo chiesto il rinvio della gara per poter almeno schierare i negativizzati, anche se i nostri avversari non ci hanno concesso questa possibilità. Siamo profondamente dispiaciuti per i nostri ragazzi che purtroppo non potranno giocarsi sul campo la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, vedendo infranti sacrifici portati avanti da mesi, per motivi extra-calcistici. Questa coppa ormai diventata maledetta, dice però che per il quarto anno consecutivo siamo arrivati agli ottavi di coppa Italia, ad un passo dalle Final Eight, tra l’altro raggiunte nell’anno dell’avvento della pandemia. Facciamo un grosso in bocca al lupo all’Età Beta per il meritatissimo risultato raggiunto. A margine ricordiamo che noi siamo sempre stati disponibili con tutti a qualsiasi variazione ma che da oggi ci regoleremo di conseguenza”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia