Funziona la cura Colavitto, anche Perugia ko

Foto Ancona

SERIE C – Al Del Conero vittoria pesantissima dell’Ancona

Sette punti in tre partite. Il ritorno di Colavitto ha rigenerato l’Ancona, al secondo successo in altrettante partite al Del Conero col timoniere campano in panchina. Crolla l’imbattibilità del Perugia che paga l’inizio di ripresa disastroso dopo l’inizio arrembante e non approfitta del passo falso pomeridiano della capolista Torres. Non incide la pesante assenza di Spagnoli (problema al polpaccio durante la rifinitura) nel reparto avanzato di Colavitto che punta sui centimetri di Kristoffersen, assistito da Energe e Cioffi. A centrocampo Saco viene di nuovo preferito a Nador, mentre Clemente vince il ballottaggio con Barnabà sull’out destro difensivo con Martina riproposto sulla corsia opposta. Tra gli umbri spicca il mancato impiego dal primo minuto della giovane punta marchigiana Seghetti e degli illustri ex Mezzoni e Iannoni, rilevati da Paz e Santoro. Il fulcro della manovra è Bartolomei, il riferimento offensivo Cudrig.
L’Ancona scalda subito il pubblico con l’affondo al 6’ di Cioffi che sfiora il bersaglio con un’applaudita azione personale. Replica all’11’ Bartolomei con un tentativo dai quaranta metri che mette i brividi a Perucchini, bravo a respingere in corner. Il gioco nella prima frazione è sempre comandato dal Perugia che non riesce però a trovare varchi nella retroguardia avversaria se si eccettua il sinistro di Matos neutralizzato dal Pellizzari. Dopo aver sofferto l’iniziativa avversaria l’Ancona ha il merito di colpire al primo affondo della seconda frazione con l’inzuccata di Saco sul traversone col contagiri di Martina. Nell’esultanza lo stesso centrocampista di scuola Napoli abbatte la bandierina del corner, la cui riparazione costringe l’arbitro Gallorini a sospendere il gioco per alcuni minuti. I dorici sfiorano pure il raddoppio al 54’ con lo stacco di Kristoffersen che sorvola la traversa. La mossa giusta l’azzecca Colavitto sostituendo Kristoffersen con Peli, autore del raddoppio al primo pallone toccato con una rasoiata dal limite che coglie impreparato Adamonis. Il tris è negato dal palo interno sulla giocata fantastica di Cioffi, bevutosi tutta la retroguardia del Perugia. Gli assalti finali del grifo producono la deviazione alta di Vazquez e la rete del pollentino Seghetti con un tocco contestato (mano o spalla?) sul servizio di Santoro che rendono infiniti i dieci minuti di recupero. L’Ancona regge però a tutti gli assalti inanellando tre punti che cambiano conformazione alla classifica.

Il tabellino della gara.

ANCONA – PERUGIA 2 – 1

ANCONA (4-3-3): Perucchini; Clemente, Pellizzari, Cella, Martina; Saco, Gatto (36’st Basso), Paolucci (14’st Nador); Energe (29’st Mattioli), Kristoffersen (14’st Peli), Cioffi (29’st Gavioli). (A disp. Vitali, Testagrossa, Marenco, Agyemang, Dutu, Radicchio, Barnabà). All. Colavitto.
PERUGIA (4-3-3): Adamonis; Paz (21’st Mezzoni), Angella, Vulikic, Bozzolan (29’st Cancellieri); Santoro, Bartolomei, Kouan (16’st Vazquez); Ricci (16’st Lisi), Cudrig (16’st Seghetti), Matos. (A disp. Furlan, Iannoni, Bezziccheri, Ebnoutalib, Torrasi, Giunti, Souare). All. Baldini.
ARBITRO: Gallorini di Arezzo.
RETI: 1’st Saco, 15’st Peli, 43’st Seghetti.
NOTE: ammoniti Cioffi, Paolucci, Ricci, Santoro, Clemente, mister Colavitto; recupero 1’pt e 10’st; spettatori 5000 circa, di cui 500 ospiti.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS