Forza Roana Cbf, ti aspetta la serie A: “Manca poco, è tutto nelle nostre mani”

Maurizio Storani, direttore sportivo della Roana Cbf Macerata

VOLLEY B1 – Il direttore sportivo Maurizio Storani alla vigilia della sfida interna contro Cesena, primo dei tre jolly per salire di categoria: “Mettiamo l’ansia da parte e godiamoci l’attesa”. Squadre in campo domani (sabato) alle 21

di Michele Raffa

Ormai ci siamo. Mancano pochissime ore al fischio d’inizio che potrebbe lanciare per direttissima la Roana Cbf Macerata in serie A2. Un’escalation a dir poco unica e solo qualcuno che l’ha potuta vivere a pieno dall’inizio può spiegarla al meglio. E chi se non Maurizio Storani, direttore sportivo che ha preso per mano l’Helvia Recina in serie D e ora la sta accompagnando nel volley che conta. “Sono profondamente orgoglioso del lavoro svolto in questi anni. La squadra, anno dopo anno, è riuscita sempre a ritagliarsi un ruolo da protagonista e pensare che domani possiamo addirittura salire in serie A, è un qualcosa di indescrivibile”. Sabato alla Marpel Arena le ragazze di Paniconi sfideranno alle ore 21 la terza della classe, ovvero Cesena, in un match che può nascondere numerose insidie. “Dobbiamo mettere l’ansia da parte e scendere in campo con la giusta spensieratezza. Mi fido ciecamente delle mie ragazze, cosi come dello staff tecnico che saprà inculcare i giusti stimoli e il giusto approccio a ognuna di loro”. Dopo aver ospitato le gesta dei campioni della Lube, aver riassaporato la serie A con la Menghi Shoes, a Macerata c’è un’altra realtà sportiva pronta a prendersi le luci della ribalta, ed è tutta al femminile e il prossimo anno potrebbe colorare di rosa quel taraflex che storicamente il Fontescodella ci ha abituato a vedere sempre in tinte blu-arancio, prettamente maschile. Il diesse Storani però non intende sbilanciarsi più di tanto, ma in cuor suo sa che i giochi sono pressoché fatti. Una sconfitta domani infatti, non pregiudicherebbe il cammino della Roana Cbf forte dei 7 punti di vantaggio su Montale Rangone quando poi mancheranno due giornate al termine.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia