Foibe, Leonardi (FdI): “Dobbiamo raccontare il passato e favorire iniziative per i giovani”

“Sono soddisfatta che alcune classi marchigiane possano visitare Trieste e luoghi simbolo della deriva totalitaria del secolo scorso grazie ad una mozione che ho fortemente voluto presentare in consiglio regionale”

Riceviamo e pubblichiamo

Ricordare le derive totalitarie che hanno segnato la storia della nostra Nazione e dell’Europa per costruire un futuro di consapevolezza e conoscenza. Le parole espresse oggi dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, restituiscono una dura condanna a quel capitolo tragico della storia italiana e la dignità della memoria a chi da decenni sta combattendo per far emergere dal cono d’ombra quanto accaduto nelle Foibe e renderlo di dominio pubblico.

Dobbiamo raccontare ai nostri ragazzi anche quelle tragedie storiche che purtroppo fino ad oggi hanno subito una sorta di resistenza alla conoscenza e che continua ad emergere negli atti vandalici e scritte offensive a cui assistiamo ogni anno nei confronti dei luoghi dedicati, di lapidi e monumenti che vengono presi di mira e di chi continua a minimizzare un episodio tragico come quello delle Foibe.

Mattarella ha sottolineato come anche oggi esistano “piccole sacche di deprecabile negazionismo militante” e che oggi “il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell’indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi“. “Si trattò di una sciagura nazionale alla quale i contemporanei non attribuirono – per superficialità o per calcolo – il dovuto rilievo”.
Le parole del capo dello Stato rimarcano quanto sia importante, soprattutto in questo momento storico, restituire la dignità della memoria e il diritto alla verità agli episodi tragici delle Foibe e l’esodo forzato degli italiani dell’Istria della Venezia Giulia e della Dalmazia, in particolare ai nostri giovani e studenti che andranno a costruire domani la classe dirigente del futuro.

In questa direzione era andata la mia mozione approvata in Consiglio, che ha permesso ad alcune classi delle scuole marchigiane, premiate a dicembre, di vincere un premio in denaro come contributo per un viaggio-studio a Trieste per visitare due luoghi simbolo della deriva totalitaria del secolo scorso: la Foiba di Basovizza e la Risiera di San Sabba. Piccoli passi che rappresentano dei mattoncini nella costruzione della consapevolezza di ognuno di noi.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia