Fischnaller, il grande ex torna al Recchioni: “Fermana, eravamo un gruppo stupendo”

SERIE C – L’attaccante altoatesino è il faro della Torres capolista. L’intervista

Tredici gol con la Fermana, la tripletta ad Olbia, il rigore realizzato nel derby con l’Ancona. L’ingaggio importante, le richieste sul mercato, l’addio estivo che tutti immaginavano. La Fermana ha poi pensato bene di reinvestire i soldi risparmiati acquistando nientepopodimeno che… i difensori Fort, Santi e il misterioso Esposito (il prezzo totale più o meno è quello…). In pratica un affarone. Forse meglio tenersi Fischnaller? Ma adesso il grande ex torna al Recchioni. Manuel, altoatesino gentile, è ora la punta di diamante della sorpresa Torres. Già 6 gol in campionato – di questi tempi, lo scorso anno, era fermo a 3 -, prestazioni ammalianti. E la coscienza che domenica – ore 14- non sarà una gara come le altre.

Se non altro per un fatto. “Fisch” non ha mai segnato ad una sua ex squadra. “E’ vero…”, conferma. E se accadesse adesso? “Non so come reagirei, sono un tipo istintivo e sensibile“, ha detto. La Fermana gli ha fatto ritrovare il feeling con la rete che a Bolzano, pur vincendo il campionato e andando in B, si era sbiadito. “In gialloblu ho trovato un gruppo stupendo, ci siamo divertiti molto soprattutto dentro al campo. Ognuno lottava per l’altro. I miei vecchi compagni in difficoltà? Ai reduci auguro di uscire dal momento no, sono convinto che la squadra può farcela. Avevo capito da avversario che la Fermana non molla mai e viverla l’anno scorso me l’ha confermato. I tifosi anche con l’ultimo posto non mancano mai nemmeno in trasferta ed è un bel segnale”.

“Con Misuraca e Giandonato sono ancora in contatto. Ultimamente ho sentito Pellizzari che è andato all’Ancona, Andreas Gerksos in A albanese, ho scambiato qualche messaggio sui social con Romeo e Maggio che stanno facendo ottimi numeri con Juve Stabia e Pro Vercelli. Il mio addio? Sapevo di aver fatto bene e che sarebbero potute arrivare delle offerte, dialogando con la Fermana capii che non c’erano i presupposti per proseguire insieme, il mio procuratore ha parlato con Tubaldi e la famiglia Simoni, io non entro mai in certe dinamiche”.

Il passato è il passato, adesso il presente lo metterà di fronte alla sua vecchia Fermana. “Affronteremo una squadra che vorrà uscire dal trend negativo, che magari si chiuderà e cercherà gli spazi giusti in avanti. Non pensavo di ritrovare la Fermana in quelle posizioni di classifica, di certo non me lo auguravo. Spiace che la situazione non sia bellissima, mi pare di percepire un po’ di casino, se così si può dire. La Torres? Siamo fastidiosi, tosti, aggressivi. Nessuno si aspettava di essere al primo posto adesso. Il mio sogno? Tornare in B anche a 32 anni”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS