Finti agenti finanziari e dipendenti di banche, acquisti online fasulli: denunciati sette truffatori

L’attività dei Carabinieri

I militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Fermo hanno intensificato l’attività di contrasto alle truffe, identificando e denunciando all’autorità giudiziaria numerosi truffatori telematici.

A Servigliano i Carabinieri hanno individuato e denunciato un uomo di 46 anni della provincia di Monza Brianza che dal mese di giugno a quello di settembre 2022 aveva truffano una 67enne di Monteleone di Fermo. Fingendosi operatore di un’agenzia finanziaria, dopo aver pubblicizzato su Facebook prestiti a tassi d’interesse vantaggiosi, con il pretesto di dover prima attivare e poi sbloccare la pratica di un finanziamento dell’importo di mille euro per la donna, aveva fatto eseguire a quest’ultima numerosi versamenti, per un totale di 8.000 euro, su una carta Postepay a lui riconducibile, per poi rendersi irreperibile.

A Montottone i militari della locale Stazione Carabinieri hanno invece identificato e denunciato per truffa una giovane pakistana di 29 anni, senza fissa dimora. La ragazza, nel mese di ottobre 2022, con il pretesto di vendere online un IPhone ad uno studente del posto, si era fatta accreditare da quest’ultimo, tramite conto corrente “Mooney“, la somma di circa 400 euro, per poi rendersi irreperibile.

Analoga situazione a Montegiorgio dove i Carabinieri hanno identificato e denunciato per truffa un napoletano di 63 anni. Il truffatore ha messo in vendita onine un IPhone 11 e ha incastrato un 40enne di Fermo: il 63enne si è fatto accreditare tramite versamento su carta “Mooney”, la somma di 200 euro.

Ancora un tentativo di truffa a Montegranaro dove i militari della locale Stazione hanno denunciato una
donna padovana amministratrice di una società di servizi energetici. Tale società aveva fatto recapitare a un uomo del posto (che aveva poi formalizzato querela) quattro fatture per fornitura di energia elettrica in favore di altrettante unità immobiliari di sua proprietà, senza che avesse mai stipulato alcun contratto telefonico con tale società.

Ancora truffe telematiche sempre a Fermo dove i militari della Stazione hanno identificato e denunciato un altro napoletano, 38 annni, pregiudicato. I Carabinieri dopo l’attenta analisi di documentazione bancaria e tabulati telefonici, hanno identificato l’uomo come colui che, dopo aver posto in vendita su “Facebook”, una Playstation 4 a 140 euro, con artifici e raggiri ha indotto la vittima all’acquisto, richiedendo ed ottenendo l’accredito dell’intera somma tramite bonifico su carta Postepay, senza di fatto inviare la merce e rendendosi poi irreperibile.

Altra truffa a Porto San Giorgio, ai danni di un residente. Questa volta i Carabinieri, in sinergia con i colleghi di Torre del Greco e Terzigno, attraverso un’accurata attività investigativa sono riusciti a identificare e denunciare per truffa e sostituzione di persona due pregiudicati campani di 68 e 43 anni.

I due, dapprima fingendosi dipendenti della Banca BPER, e successivamente riuscendo ad impossessarsi delle credenziali di accesso del conto corrente della vittima hanno prelevato una somma di denaro pari a 1.200 euro, utilizzandola, successivamente, per l’acquisto di criptovalute.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS