“Finalmente vittoria in casa, tifosi premiati per la loro pazienza”

SERIE D – Aldo Clementi mister della Vigor Senigallia nel post gara vinta con il Tivoli. Al Bianchelli gioia che mancava

È naturalmente un Aldo Clementi soddisfatto quello che si presenta in sala stampa al termine della bella vittoria della sua Vigor Senigallia contro il Tivoli che ha permesso ai rossoblu di tornare a festeggiare i tre punti davanti al pubblico di casa per la prima volta nel 2024: “Abbiamo approcciato decisamente bene, due gol appena iniziata la partita, si è messa nel miglior modo – analizza mister Clementi – Siamo stati poi molto bravi nel gestire, una squadra molto vogliosa di raggiungere questo risultato, di tornare alla vittoria davanti ai nostri tifosi, ci mancava onestamente tanto e abbiamo comunque premiato la loro pazienza. Una vittoria che ci riempie di grande gioia, anche se ultimamente stiamo ottenendo dei risultati un po’ altalenanti, comunque ci siamo, oggi avevo chiesto una prova di forza anche mentale perché era importante tornare a essere forti anche nella testa dopo la sconfitta di domenica scorsa, che per come è avvenuta, per come è venuta, ci aveva lasciato qualche fantasma di troppo”.

Costretto da inizio stagione a scelte spesso obbligate a per i vari infortuni che hanno costellato la stagione rossoblu, anche ieri il tecnico della Vigor si è trovato a dover far fronte alla contemporanea assenza dell’affidabilità dei due centrali di difesa Marini e Magi Galluzzi appiedati dal Giudice Sportivo, ma non ha avuto esitazioni nel prendere con coraggio la decisione di schierare in quel ruolo Gambini che nonostante la posizione inusuale ha offerto una prestazione di grande livello: “Oggi eravamo in grande emergenza dietro, ma la fortuna di avere un giocatore come Gambini penso che sia unica, perché è un giocatore di una affidabilità incredibile in ogni zona del campo – prosegue il tecnico rossoblu – ha una capacità di lettura della gara abbastanza unica e quindi è venuto logico pensare a lui già domenica scorsa appena finita la partita con l’Atletico Ascoli sapendo che Marini e Magi Galluzzi sarebbero stati squalificati. È un po’, come lo abbiamo definito noi questa settimana, il nostro Mascherano”.

Umore opposto invece per il tecnico dei laziali Mirko Granieri che, dopo aver fatto i complimenti alla Vigor Senigallia e al suo collega Clementi per il modo in la squadra rossoblu cui interpreta il gioco durante la partita, nell’analisi della prestazione non è tenero con i suoi ragazzi: “Il primo gol in quel modo ci ha tagliato le gambe, siamo andati giù, abbiamo dimostrato poco carattere, più che a rimediare abbiamo pensato a allargare le braccia, lamentarci e non va bene, perché io ho detto fin dall’inizio che c’è modo e modo di perdere e così non va bene, oggi c’è solamente da chiedere scusa e basta, una prestazione indegna del quale io sono innanzitutto il primo responsabile – conclude Granieri – bisogna tirare una riga, nella classifica per fortuna non è cambiato molto, ma oggi non mi sono piaciuti gli atteggiamenti”.

Sergio Brizi
Author: Sergio Brizi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS