Figuraccia Ascoli

Azione di gioco durante Ascoli-Pescara

SERIE B – Al Del Duca passa il Pescara con i gol di Galano e Ceter

Parte male l’avventura di Delio Rossi sulla panchina dell’Ascoli. Derby dell’Adriatico che si aggiudica il suo “allievo” Breda con le reti decisive nella prima frazione di gioco. Il tecnico bianconero sceglie la coppia Avlonitis-Spendlhofer centrali con Sini a sinistra. Altra panchina per Chiricò, dal primo minuto parte Pierini con Saric dietro Bajic. Confermato il 3-5-2 di Breda con Galano a supporto di Ceter davanti.

Dopo più di un minuto buco centrale con Ceter che riesce a calciare dalla trequarti, bravo Leali a respingere. Sul proseguire dell’azione altra conclusione di Maistro ed ancora il portiere bianconero a deviare in corner. Al quarto d’ora però primo momento topico del match: Nzita viene steso in area da Pucino e per il direttore di gara è sacrosanto il calcio di rigore. Sul dischetto per il Delfino si presenta Galano che batte Leali nonostante il portiere fosse riuscito a sfiorare la sfera. Meglio il Pescara dunque in avvia, con il Picchio non ancora entrato in partita. L’Ascoli inizia a stare più alto e rispondere al 28′. Pierini si libera dalla sinistra e calcia male dalla trequarti con palla sul fondo, ma è il primo squillo. Ottimo invece il mancino dalla distanza di Sini che impegna Fiorillo basso sulla sua sinistra, togliendo la palla dall’angolino. Nel momento migliore arriva però il raddoppio dei biancazzurri. Contropiede di Galano a difesa schierata che offre palla in diagonale a Cetar che davanti a Leali lo batte per il 2-0 ospite.

Nella ripresa la prima mossa di Delio Rossi è quella di sostituire Pierini per Cangiano. Il giovane subito pericoloso al 52′ prova a dare la scossa alla sua squadra con un tiro da fuori che Fiorillo devia in angolo. Paura al 60′ per Sabiri che subisce un brutto fallo da un avversario che gli calcia praticamente la nuca. Il trequartista finisce a terra, si chiamano i soccorsi ma per fortuna non c’è bisogno dell’ambulanza ma solo della barella. Al 66′ altro assist di Galano questa volta per Capone che si fa però ipnotizzare da un ottimo Leali che in due tempi riesce ad evitare il gol. Ancora Pescara al 74′: contropiede dopo un presunto fallo su Cavion, Galano serve Busellato che trova la super parata di Leali, poi ci prova Galano ma ancora una volta il portiere bianconero abbassa la saracinesca. Per l’Ascoli ci prova Chiricò su calcio di punizione ma al minuto ottantaquattro con la sfera che sibila vicino al palo terminando sul fondo. Il Picchio però si spegne sempre più e non riesce a rimontare. Il Pescara espugna il Del Duca e sorpassa proprio i bianconeri che martedì torneranno in campo contro il Pisa per il recupero dell’ottava giornata di campionato.

ASCOLI-PESCARA 0-2

RETI: 16′ rig. Galano (P), 40′ Ceter (P)

ASCOLI (4-4-1-1): Leali; Pucino, Avlonitis, Lukas, Sini; Gerbo (71′ Chiricò), Cavion, Saric, Pierini (46′ Cangiano); Sabiri (65′ Tupta); Bajic (83′ Vellios).
A disposizione: Ndiaye, Sarr, Sarzi Puttini, Corbo, Ghazoini, Donis, Buchel, Lico.
Allenatore: Rossi.

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Balzano, Bocchetti, Jaroszynski; Bellanova (71′ Antei), Valdifiori (71′ Busellato), Memushaj, Maistro (64′ Crecco), Nzita (89′ Omeonga); Ceter (65′ Capone), Galano.
A disposizione: Alastra, Scognamiglio, Bocic, Ventola, Di Grazia, Guth, Vokic.
Allenatore: Breda

ARBITRO: Illuzzi di Molfetta

NOTE: ammoniti Gerbo (A), Avlonitis (A), Maistro (P), Saric (A), Valdifiori (P), Memushaj (P). Rec. 2′ pt, 7′ st.

Articoli più letti della settimana