Fermana, hurrà per gli infortunati: Sperotto di rabbia, primo gol per D’Anna

PAGELLE GIALLOBLU – Festa post-vittoria in spogliatoio con le maglie di De Pascalis e Demirovic che dovranno operarsi al crociato

di Lorenzo Attorresi

Ginestra 6: che bello, Gino! Clean sheet senza sudare granchè. In stagione era capitato poche volte. Significa che stavolta funziona tutto. Timbra il cartellino con un paio di interventi, molto facili per uno come lui. Una presa incerta.

Rossoni 6: terzino senza sbavature, accompagna l’azione e lo fa con precisione.

Manetta-Scrosta 6.5: se la lampadina è accesa per 90 minuti, hanno pochi rivali. Altissimi non sono altissimi, ma quando vanno su non li sposta nessuno.

Mordini 5: naviga in acque torbide. Si butta e pesca un giallo per simulazione mista a proteste, va in chiusura e serve un assist a Masala (primo tiro in porta) e soprattutto entra in scivolata su Piovanello prendendo probabilmente poca palla e molta gamba. Doppia ammonizione a mezzora dalla fine? Non per l’arbitro, sì per Cornacchini che chiama immediatamente Sperotto.
Sperotto (20’st) 6.5: la concorrenza di Mordini gli fa bene, perchè “Spero” non sbaglia più. Ricordate? Nel derby con la Samb era stato il migliore del primo tempo (Botta martoriato), poi aveva lasciato il posto a “Mordo”. Stavolta è “Mordo” che lascia il posto a “Spero” e Nicolò disegna il secondo assist stagionale. L’esultanza? Tutti da una parte, lui di corsa nella sua metà campo per sfogare tutta la sua rabbia-gioia. “Spero” professionista esemplare.

La capigliatura di Iotti

Iotti 6: un voto ai capelli tinti? Meglio di no. Testa blu in versione Grande Puffo. No, sembra più verde acqua. Ilario spinge sull’acceleratore per tutto il primo tempo, lo trovi di qua e di là indistintamente, poi si adagia un po’ nella ripresa.

Urbinati 6.5: fondamentale per Jaconi, Destro, Antonioli e ora Cornacchini. Ci sarà un motivo? Pressa Angeli e dal rimpallo la Fermana la sblocca con D’Anna.

Graziano 6.5: “Ci vuole un play con i piedi buoni”, la frasetta dei cultori pronunciata anche dopo l’arrivo di Graziano. E invece “Giovà” con Urbinati forma la coppia perfetta. Una grande lettura sul finire di primo tempo, quando aziona le leve lunghe e spazza via da ultimo uomo di fronte a Ginestra.

Neglia 6.5: qualità, inventiva, quantità. Samuel-one non segna ma si mette a servizio degli altri. Duetta con D’Anna che è un piacere, invita Sperotto al cross. Che lusso.
Bonetto (37’st) sv

Cognigni 7: sul gol annullato a D’Anna è “colpa” di Cogno che a centro area viene strattonato da Angeli e allora lo ripaga con la stessa moneta. Com’è che si diceva un tempo? Privilegiato il difensore. Prende una traversa clamorosa. Stoppa un campanile e la porge per D’Anna. Coglie il servizio di Sperotto e segna il 2-0. La cosa più redditizia, però, la fa qualche minuto prima senza accorgersene. Angeli rinvia, Urbinati rimpalla e la carambola sbatte sul corpo del buon Luca finendo poi sui piedi di D’Anna. Assist per l’1-0? Perchè no…

La dedica di D’Anna

D’Anna 7.5: partita spettacolare dell’ex Lecco che sigla il suo primo gol con la Fermana dopo averlo inseguito per tutta la gara. Rete matura già dal primo tempo. Il fischio dell’arbitro gli toglie un colpo da biliardo da copertina, poi però si rifà nella ripresa. D’Anna tutta panna, con tanto di dedica alla sua Francesca di nuovo in dolce attesa.
Cais (40’st) sv

Cornacchini (all) 7: il Fano ha vinto nel posticipo a Mantova, rosicchiando qualcosa. Playout non più a 7, ma a 6 punti. Che miracolo di Jo Condor.

Spogliatoio 10: nel post-vittoria con l’Imolese in spogliatoio sventolano le maglie degli infortunati gravi. Dediche speciali per De Pascalis, Demirovic e Bigica. Se il figlio d’arte si è appena operato di ernia inguinale e già si sapeva, purtroppo nel giro di dieci giorni anche “De Pa” e “Demi” dovranno subire degli interventi. Ecco le novità: venerdì le visite specialistiche hanno avuto responso impietoso. Entrambi i calciatori si opereranno al crociato. Tegole che non ci volevano per nulla.

FERMANA 2-0 IMOLESE CRONACA