Fermana, che sorpresa al Pelloni: Scoponi riabbraccia Domizzi

Massimo Scoponi con l'ex compagno Maurizio Domizzi

SERIE C – Il neo-mister salutato dalla bandiera canarina: hanno giocato insieme nel Modena in A e B

La Fermana lavora sodo in un clima disteso. Maurizio Domizzi chiama tutti i suoi calciatori per nome di battesimo, vuole creare subito empatia. “Edo, Gianlu, Ila, Alessio”. E per il mister, stamattina, una gradita sorpresa: al Pelloni, per un caloroso saluto, è arrivato Massimo Scoponi, indimenticato ex centrocampista della Fermana residente a Civitanova. Scoponi, classe 1973, e Domizzi, classe 1980, giocarono infatti insieme nel Modena per un anno e mezzo in Serie B e in Serie A, scrivendo pagine importantissime del club emiliano che guarda caso ha i colori…gialloblu. Tra qualche pacca sulla spalla ed aneddoti riferiti al passato comune, è scattata obbligatoriamente la foto-amarcord tra i due.

 

Intanto al campo c’è la giusta atmosfera, colorata da dettagli quotidiani che non lasciano indifferenti. Boateng, con il tutore alla gamba – tendine d’Achille lesionato -, si sforza di abbozzare un sorriso mentre un sostenitore, appoggiato alla recinzione, lo chiama per consolarlo. L’olandese Don Bolsius, primo allenamento in gruppo – arrivati gli ultimi documenti -, non parla italiano ma sa già le parole chiave: “Capito!”. De Pascalis e Cognigni sudano a parte, toccano il pallone, calciano in porta e tra un lavoro propedeutico e l’altro “Cogno” mostra le sue doti da tiratore di basket sfruttando il canestro dell’impianto: prende la mira e – rigorosamente con la mano mancina, lui che di piede è un destro – fa tre “ciof” consecutivi. Solo retina…

 

Intanto ieri – lunedì – è stato il compleanno del nuovo ds Matteo Scala (tanti auguri!): giusto concedersi un rapido brindisi dopo la fatica con tutta la squadra. Presente anche Luca Cremona, che strano vederlo in mezzo al campo in jeans e t-shirt: “Cremo”, appese le scarpette al chiodo, è entrato appieno nel nuovo ruolo di scouting e farà da trade union tra campo e società.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana