Fermana, ancora falsa partenza: Domizzi, dov’è il leone che è in te?

SERIE C – Canarini steccano lo start come dodici mesi fa. Il mister riflessivo e posato, non c’è la cattiveria di quando giocava

Per la seconda stagione consecutiva la Fermana stecca l’inizio di stagione. Se consideriamo pure che l’avvio dell’ultimo Destro – su cui però le aspettative si erano impennate senza motivo… – non fu considerato idilliaco, gli anni di svarioni iniziali diventano tre. Com’è finita nei primi due? Esonero Destro, esonero Antonioli. Toccherà ferro Maurizio Domizzi, il quale però non è uno stupido sprovveduto.

L’ex difensore ha già tastato con mano le grandi difficoltà riscontrate ed anche la confusione tecnico-tattica che regna sovrana. Ma delle sue scelte è l’unico responsabile e ci mancherebbe altro. Quando si perde, poi, è facile “menare” dicendo “la difesa a tre è stata deleteria, meglio Rodio a tutta fascia che Rossoni, Bugaro inventato mezzala non è proponibile, Nepi prima bocciato e poi ributtato dentro è un controsenso, zero minuti dati Pannitteri – ottimo ingresso a Gubbio – non è proprio comprensibile, e poi perchè bruciacchiare subito gli stranieri in palese imbarazzo?”. Domizzi avrà avuto le sue convinzioni.

Quel che non quadra, però, è un’altra cosa. Il Maurizio allenatore non ha lo stesso carattere di quando giocava, quello che oltre alle grandissime qualità tecniche gli ha permesso di giocare 400 partite in Serie A. Al di là dei discorsi tecnico-tattici (ognuno la vede come vuole…), mister Domizzi è troppo posato, riflessivo, tanto che a qualcuno sembra pure distaccato. “Nessuno mi ha obbligato a fare l’allenatore. E’ una strada che ho scelto io liberamente. Ma ho anche grande aspettative. E’ giusto che sia così”. E allora, Maurizio, ribalta lo spogliatoio come un calzino, come quando eri un leader di Napoli e Udinese, come quando prendevi per le orecchie i tuoi compagni lavativi (per info chiedere al colombiano Armero…). Butta dentro un po’ di garra, un po’ di intensità, un po’ di aggressività. Questa Fermana è troppo moscia per essere vera. Domizzi, dov’è il leone che è in te?

 

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia