Favola Castelfidardo: le pagelle di un capolavoro tra assenze, prodezze e rimonte da brividi

ECCELLENZA – Un cammino pazzesco nei playoff con gol spettacolari, recuperi mozzafiato e prestazioni monstre nonostante le squalifiche. I voti dell’ultimo atto col 3-1 allo Zenit(h) Prato, decisivo per ribaltare la sconfitta in Toscana

SARTI 7,5: Dopo un primo tempo da spettatore non pagante, nella ripresa è decisivo prima sulla conclusione di Falteri ma soprattutto in pieno recupero sul colpo di testa di Mariani che alza sopra la traversa con un colpo di reni

PEDINI 6,5: Svolge ottimamente entrambi le fasi il terzino sinistro biancoverde. Un suo cross dà il via alla rete del raddoppio di Braconi (38 st FOSSI sv)

FABBRI 7: Solita prova sontuosa del capitano biancoverde che oltre a essere impeccabile e insuperabile in fase difensiva, è sempre una spina nel fianco in proiezione offensiva con le sue discese palla al piede

FABIANI 7,5: Giganteggia al centro della difesa. Annulla completamente Chiaramonti e compagni, non concedendo davvero nulla anche dal punto di vista del gioco aereo

MORGANTI 7,5: Spostato a centrale di difesa viste le squalifiche di Rotondo e Imbriola, anche lui come Fabiani, sforna un’ottima prova. È sempre deciso e puntuale negli interventi e nelle chiusure.

CANNONI 6,5: Sarebbe un sette e mezzo, ma il voto in meno è per il cartellino rosso rimediato per un’entrata su Falteri che lascia i suoi in inferiorità numerica per trentacinque minuti. Per il resto, come al solito ha in mano le chiavi del centrocampo dove detta i tempi in fase di costruzione, gestendo sempre con grande lucidità e intelligenza la palla

EVANGELISTI 7,5: Dopo la splendida rete dell’andata che ha riaperto i giochi, si ripete anche ieri dove dopo appena diciotto secondi si inventa una conclusione che forse, complice anche il vento a favore, si insacca all’incrocio dei pali. Goal a parte mette in campo grande agonismo e dinamismo in entrambi le fasi, senza mai risparmiarsi

MIOTTO 8,5: Nel momento forse di maggiore sofferenza della sua squadra, il centrocampista veneto di Motta di Livenza trova una conclusione pazzesca da casa sua per bellezza, precisione e forza che si insacca sotto al sette, siglando così la rete che vale la promozione in Serie D. Per il resto mette in campo grande quantità e qualità in mezzo al campo, lottando e combattendo su ogni pallone fino all’ultimo. Inesauribile

BRACONI 7: Trova la rete del raddoppio mostrando grande freddezza sotto porta. Si muove molto su tutto il fronte offensivo non dando mai punti di riferimento, mettendo in difficoltà la difesa ospite con i suoi continui tagli e inserimenti in area di rigore (27 st NACCIARRITI 6: Aiuta i suoi compagni nella parte finale di match)

NANAPERE 8: Indemoniato fin dalle prime battute, nel primo tempo specialmente risulta un pericolo costante per la difesa avversaria che fa fatica a contenere il suo strapotere fisico e tecnico. Fa la sponda di testa per la rete del raddoppio di Braconi e sul finale di tempo ha anche l’occasione per iscriversi sul tabellino dei marcatori, ma se la divora. Poco male. Rischia però nel primo tempo dove si fa prendere dal nervosismo rifilando un colpo proibito a Saccenti, ma il direttore di gara lo grazia con il cartellino giallo.

SIDORENCO 6: Non si vede moltissimo, anche se i palloni che si trova a gestire spalla alla porta lì gestisce in maniera eccellente (8 st GUELLA 6: Forze fresche e fisicità in mezzo al campo per la seconda parte di match)

All. GIULIODORI 10: Una promozione meritata per quanto fatto vedere durante l’anno in regular season e nel cammino post season sia a livello regionale che soprattutto nazionale dove i biancoverdi hanno fatto un autentico capolavoro essendo capaci, nonostante le assenze, di ribaltare due volte il risultato sia in semifinale contro l’Unipomezia sia in finale con la Zenith Prato. Grandi meriti di questa promozione sono suoi perché è stato capace di creare e plasmare un gruppo coeso e forte che è cresciuto settimana dopo settimana sia a livello di autostima e carattere sia a livello di gioco. Passando alla partita, una vittoria meritata per il suo Castelfidardo che ha interpretato benissimo la gara in entrambi le fasi e nonostante l’inferiorità numerica i suoi ragazzi hanno tirato fuori ulteriori energie e carattere ribaltando il risultato sfavorevole maturato all’andata, regalando un traguardo impensabile a inizio stagione a tutto il popolo di Castelfidardo

****

Pagelle Zenith Prato

BRUNELLI 6, SACCENTI 5,5, BAGNI 6 (37 st GONFIANTINI sv), CELA 7, CASINI 6 (33 st MORETTI sv), CASTIELLO 6,5 (43 st MARI sv), LUNGHI 5 (14 st CIRAVEGNA 6), KOUASSI 6,5 (45+1′ st MARIANI sv), ROSI 5,5, FALTERI 7, CHIARAMONTI 5.  All SETTESOLDI 6

CRONACA CASTELFIDARDO 3-1 ZENITH PRATO

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS