Fano senza respiro, che adesso az(Zanni) anche il Matese: “Profilo basso ma gara importantissima”

SERIE D – Oggi pomeriggio i granata impegnati nel recupero in una delle trasferte più lunghe. Scontro direttissimo, parla il centrocampista autore di una doppietta domenica nel 5-1 con il Chieti

È tornata a vincere l’Alma Juventus Fano, che nel 2024 non aveva ancora mai conquistato i tre punti e aveva ottenuto l’ultimo successo quasi tre mesi fa contro l’Avezzano. Complice anche la lunga sosta a cui che i granata si sono trovati ad affrontare con i rinvii che si sono succeduti a causa dell’assenza di Mancini impegnato con la Rappresentativa Dilettanti al Torneo di Viareggio, il rientro in campo, dopo l’ultima sfida sempre tra le mura amiche persa con la Sambenedettese, è costato la panchina a Cornacchini con la quarta sconfitta di fila e la nuova dirigenza che ha scelto di percorrere una nuova strada chiamando al comando della squadra Manolo Manoni. La decisione al momento sembra quella giusta con il Fano che ha dato l’idea di aver decisamente invertito la rotta battendo il Chieti 5-1.

Ora i granata sono attesi ancora da una settimana densa di impegni ravvicinati per recuperare le partite rinviate. Oggi pomeriggio con il Matese sarà un’altra gara cruciale in chiave salvezza in una delle trasferte più lunghe del campionato, un recupero da non sbagliare. Così ne ha parlato il centrocampista Zanni, autore di una doppietta domenica scorsa con il Chieti. “Assolutamente, a Piedimonte Matese sarà una partita importantissima, come lo sono tutte ormai – ha affermato il centrocampista granata – Non eravamo scarsi mercoledì scorso dopo la sconfitta con il Notaresco, non siamo fenomeni adesso, dobbiamo rimanere coi piedi per terra, tenere il profilo basso e cercare di andare a vincere anche a Piedimonte Matese”.

Poi invece bisognerà ottenere punti in casa dell’Aquila che conserva ancora ambizioni opposte al Fano: “Chiaro che anche se non è uno scontro diretto, anche li dovremo andare a fare la nostra partita sicuramente”. Con la certezza di essere determinati e intenzionati a combattere fino alla fine per arrivare al risultato sperato: “Poco, ma sicuro. La squadra sta bene, è in salute – conclude Zanni – Ci vuole entusiasmo e concentrazione in tutte le partite per portare a casa questo obiettivo che è la salvezza”.

Tornando per un attimo a domenica scorsa, Nicola Zanni ha firmato la sua prima doppietta in Serie D arrotondando il punteggio che ha visto marcare anche Coulibaly (due volte) e Ricci. “Sono molto contento soprattutto per la vittoria e poi anche per i due gol che fanno sempre piacere. Poi da subentrato non è mai facile entrare subito in partita, stavolta ci sono riuscito penso bene, guadagnando il rigore e poi trasformandolo permettendoci di chiudere la gara. Però l’importante era dare un segnale e portare a casa i tre punti che era fondamentale”. Entrato negli ultimi venti minuti, con gli specialisti Gonzalez e Padovani che erano usciti dal campo, non ha avuto timori di incaricarsi lui di battere il tiro dagli undici metri, un pallone pesante che serviva per mettere il punteggio in ghiaccio: “Quest’anno non avevo ancora segnato ci voleva anche la gioia personale che fa molto piacere e dà morale, il rigore ero riuscito a procurarmelo e mi sentivo di calciarlo ed è andata bene”.

Sergio Brizi
Author: Sergio Brizi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS