Falconara, partito il tir con 70 metri cubi di aiuti per il popolo ucraino

Si attendono i primi profughi

Un tir carico di aiuti è partito attorno alle 10.30 di ieri, giovedì 10 marzo, dalla parrocchia di Sant’Antonio di Falconara con destinazione Prezemysl, la cittadina polacca al confine con l’Ucraina dove vengono raccolti e smistati medicinali, cibo, coperte e indumenti destinati alla popolazione colpita dalla guerra. Il grande cuore dei falconaresi è stato in grado di mettere insieme 70 metri cubi di materiale, raccolto dalla Caritas di piazza Sant’Antonio, cui si aggiungono due bancali di carni in scatola donati dalla Baldi Carni di Monsano.

A organizzare il trasporto da Falconara fino al confine ucraino, i falconaresi Luciano Maculan e Alberto Masciarelli, che hanno chiesto il supporto del Rotary Club di Falconara e degli amministratori comunali per finanziare il noleggio del mezzo. In particolare, oltre al club rotariano hanno offerto il loro contributo il sindaco Stefania Signorini, la Giunta, consiglieri comunali di  maggioranza insieme ad alcuni sostenitori, oltre a un gruppo di cinque finanziatori amici di Maculan e Masciarelli. Non è stato facile reperire il tir per il trasporto, che è stato messo a disposizione dall’agenzia Gianesini Erminio di Gorizia dopo una ricerca avviata una settimana fa.

Dalla prima mattinata di ieri volontari del gruppo comunale di protezione civile e operai comunali hanno provveduto a caricare a bordo tutti i farmaci, i generi alimentari a lunga conservazione, coperte e indumenti donati dai cittadini, dopo che nei giorni scorsi sono stati impegnati nell’imballaggio del materiale. Il mezzo, con a bordo due autisti polacchi, arriverà a destinazione nel pomeriggio di oggi, venerdì 11 marzo. Gli organizzatori, a bordo di due furgoni carichi di altro materiale, messi a disposizione dalla Croce Gialla di Falconara (condotto da Maculan e Masciarelli) e dall’Avulss cittadina (condotto da Umberto Sgueglia e Pasquale Buoncristiano), partiranno a loro volta per la Polonia, dove raggiungeranno i primi profughi ucraini, in particolare donne, anziani e bambini, per portarli a Falconara. Qui saranno accolti dalle famiglie che hanno dato la loro disponibilità.

 

In questi giorni il Comune di Falconara sta raccogliendo l’adesione di tanti falconaresi: per ospitare i rifugiati in famiglia o in case di proprietà si può mandare una mail a sostegnoucraina@comune.falconara-marittima.an.it, oppure chiamare i numeri 0719177222 o 0719177274 (segreteria del sindaco) o ancora 0719177572 o 0719177834 (servizi sociali comunali). Tutte le tipologie di accoglienza saranno autorizzate e amministrate tramite la Prefettura.

Giada Berdini
Author: Giada Berdini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS