FƏMFEST torna a Monte Urano

Appuntamento il 5 e 6 agosto con incontri, workshop e performance

Dopo l’ottima riuscita della prima edizione, FƏMFEST ritorna a Monte Urano sabato 5 e domenica 6 agosto per un weekend all’insegna dell’inclusività, della scienza, della tecnologia e… del femminismo! Il primo festival transfemminista intersezionale della regione Marche è organizzato da Common Bubble, associazione di volontariato monturanese impegnata nello sviluppo culturale del territorio, con particolare attenzione alla rigenerazione urbana, sociale e artistica della comunità locale. Il tema di quest’anno sarà “Medicina & Salute, Tecnologia & Intelligenza Artificiale ed Ecofemminismo”.

A far da cornice, il centro storico con le sue piazze e le sue vie che saranno il palcoscenico di dibattiti, laboratori, performance artistiche e musica.
“L’obiettivo è riflettere sul posto che occupiamo nel mondo, su quali alternative possiamo adottare per una società collettiva contro l’individualismo e aperta a tutte le soggettività. – sono le parole di Catherina Zazzini, presidentessa del’associazione – FƏMFEST, infatti, nasce dall’esigenza di affrontare argomenti che nelle piccole realtà vengono trattati poco e con superficialità, senza comprenderne appieno la loro complessità e importanza sociale. Questa è un’iniziativa che parte dal basso: il ricavato va alla creazione di spazi e momenti incentrati sulla condivisione e sulla cura, poiché FƏMFEST crede fortemente che la nostra società abbia bisogno di ambienti stimolanti dove confrontarsi su tematiche urgenti e creare una collettività inclusiva, libera dal giudizio e consapevole delle sue risorse e difficoltà”.

“Il ringraziamento dell’Amministrazione Comunale – dice la Sindaca Moira Canigola – va all’associazione Common Bubble, che anche quest’anno abbiamo sostenuto nel grande impegno di organizzare un evento che rappresenta un unicum nelle Marche. Lavorando in sinergia, facciamo partire da Monte Urano un’onda rivoluzionaria che ci permette di promuovere lo sviluppo culturale del territorio e di schierarci apertamente contro ogni forma di individualismo”. Alla Sindaca fa eco l’Assessora alle Pari Opportunità, Loretta Morelli: “Di questo festival ha bisogno non solo l’intero territorio, ma anche l’intera società contemporanea. Parlare di femminismo, di tematiche legate all’identità di genere, ai diritti ed alla possibilità che tutti possano riconoscersi nella società è sempre più importante ed assume un valore particolare quando, come in questo caso, il dibattito parte da un piccolo centro di provincia come il nostro. Dobbiamo essere coraggiosi, schierarci con i giovani e dare un segnale a tutti coloro che si sentono in difficoltà”.
L’appuntamento è a partire dal pomeriggio di sabato, con avvio alle 15.30, per chiudere nella serata di domenica con una grande festa finale.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS