Export Marche 2023, luci e ombre

Segno più per moda e nautica

Luci e ombre per le esportazioni dalle Marche nel 2023. Si è registrato un calo di quasi il 14% rispetto alla buona annata 2022, ci si è fermati a poco meno di 20 miliardi di euro e questo fa pensare e riflettere, anche se in generale c’è stata una sostanziale tenuta.

Solo Sardegna, Valle d’Aosta e Sicilia hanno fatto peggio di noi in Italia. Le contrazioni maggiori hanno riguardato i prodotti petroliferi raffinati, gli articoli farmaceutici – solitamente fluttuanti – e gli autoveicoli, secondo i dati Istat, elaborati dalla Camera di Commercio delle Marche, Ufficio Studi e statistica. A calare sono state le esportazioni verso i paesi dell’Unione europea, giù del 30%, mentre sono salite quelle verso l’Extra-Ue; cresciute in particolare le vendite verso la Cina, +390%. 

Continua a salire di livello e numeri il comparto moda (più 5,6%, trainato soprattutto dall’export del cuoio) che determina l’andamento positivo  delle province di Macerata (+3,2%) e Fermo (+6,8%). Bene anche la nautica, i cui prodotti sono diretti soprattutto verso USA, Svizzera, Isole Cayman e Regno Unito. La calzatura resta un fiore all’occhiello, tiene e cresce con moderazione il mobile arredo.
Il settore tessile abbigliamento pelli e accessori viaggia veloce verso la Francia (+24,6%) che è il primo Paese di sbocco, e il  Regno Unito (+11,6%). Hanno contribuito all’andamento positivo della moda in particolare anche Hong Kong, Taiwan Spagna e Turchia. Insomma, si punta sempre più sull’internazionalizzazione.

Questo l’andamento tendenziale delle esportazioni del 2023 articolato nelle province marchigiane:  Ancona fa segnare una flessione pari a -3,6%, Pesaro-Urbino è in decremento del -3,7%. Il calo è molto più marcato nella provincia di Ascoli Piceno (-28,7%), con un forte contributo sfavorevole all’andamento regionale. Positivi, come detto, sono invece i risultati delle province di Macerata e Fermo.

Camilla Cataldo
Author: Camilla Cataldo

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS