Emozioni, ricordi e risate con un Niccolò Fabi solo…

Per la rassegna nel cuore dell’anima a San Benedetto del Tronto

Niccolò Fabi e gli anni ‘90, è i suoi capelli, è la musica quella del cuore. Niccolò Fabi è le sue emozioni che ricama accuratamente con uno stile che forse la musica social di oggi, per noi nostalgici, con tutto il rispetto, ha fagocitato. Quel cantautorato del cuore che riempie ancora piazze, stadi ed arene, come il suo successo di pochi mesi fa all’arena di Verona; perché infondo le canzoni così sono brandelli della nostra vita, piccoli abbagli di gioia ed emozioni che ti si strozzano su per la gola, ricordandoci che quegli anni e quei modi di condividere non ci sono più.

La piazza piena appunto perché Niccolò riesce a fare questa magia, gli è riuscita anche giovedì sera, una piazza colma, soprattutto di emozioni, è stata quella di Bice Piacentini a San Benedetto del Tronto; in un borgo che sta tornando sempre di più protagonista e scenario importante per la città, da sempre abituata a farci vivere l’estate fra mare e palme.

Così inizia l’apertura degna, del suo nome, la rassegna:nel cuore dell’anima arrivata alla sesta edizione. Proposta dal Comune di San Benedetto del Tronto e AMAT con il contributo della Regione Marche e del Ministero della cultura e con il sostegno di Bim Tronto. L’evento da subito sold out ha accolto questo concerto del cantautore romano che da poco ha compiuto 30 anni di carriera e scelto di iniziare questo tour: “Solo tour Estate 2023” dopo il suo ultimo album “meno per meno”; lo ritroveremo in giro per l’Italia, come diceva un tempo, vivendo sempre con i suoi capelli, accompagnato dai suoi strumenti, ma soprattutto dalla sua dolcissima capacità di scherzare e coinvolgere il pubblico, con autoironia, tra una canzone e l’altra e quelle che sarcasticamente come dice lui… “fa poco”.

Le note della nostra adolescenza e non solo, ci ha regalato risate e dimostrato la sua grande dimestichezza e bravura, emulando una band intera, semplicemente con il suo saper essere tutt’uno con le sue chitarre e la tastiera e giocando con la sua voce ma anche soprattutto spunti e riflessioni. “Quello che spaventa”, è sempre l’emozione, provarla, riviverla ma è esattamente quello che sentiamo vibrare come le corde della chitarra; Niccolò riesce ad accompagnarti per mano dentro il proprio sentire, insegnandoci che è proprio questo l’atteggiamento per vivere oggi.

“L’ultima canzone, forse una delle più allegre che ho scritto, è la più estiva è la canzone della vacanza” così chiude con “Lontano da me”. La vacanza quella che ci allontana dalla vita che ci permette di riprenderci un po’ del nostro tempo autentico per perderci e ritrovarci, guardarci da una prospettiva diversa “c’è una libertà speciale quando ci si sente in viaggio, quando si è di passaggio tutto diventa meno pesante… vagare perdersi ed è quello che vi auguro per questa estate e lo auguro anche un po’ a me”. Lontano da tutti ma anche lontano da noi stessi.

I prossimi appuntamenti sempre al borgo di San Benedetto del Tronto il 19 luglio con la Bandabardò in “se mi rilasso collasso. Un libro suonato” e l’8 agosto con il premio Oscar Nicola Piovani nel recital in trio “Note a Margine”. “Nel cuore dell’anima” è quella “buona idea”, per iniziare un nuovo viaggio per questa estate dentro di noi nell’anima di un borgo, per ritrovare un tempo che non c’è più e aspettare che le cose cambino, che la musica cambi un po’ e augurarsi che possano vincere un presente e un futuro migliori come quegli autentici, genuini, veri e nostalgici anni ‘90 e perché si sa “l’argento si beve ma l’oro si aspetta”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS