Eccellenza al palo, molte società gridano allo stop

CALCIO – In arrivo il nuovo Dpcm e la ripartenza slitterebbe ancora

Il campionato di Eccellenza non può essere considerato un campionato a rilevanza nazionale almeno per la stagione corrente. Non siamo noi a dirlo, ma la stessa Lega Nazionale Dilettanti che fino ad ora ha varato un protocollo anticovid per la sola serie D dimenticandosi del tutto dei campionati regionali che di fatto sono ancora fermi al palo.

Torneo di serie D che in mezzo a mille difficoltà sta andando avanti in quanto gli è stata riconosciuta una valenza nazionale dalla stessa LND, poi convalidata dal Coni, cosa che non è avvenuta per il campionato di Eccellenza. Come se non bastasse, a ribadire questo concetto è arrivato nelle settimane passate il comunicato in cui veniva annullata la fase nazionale dei playoff per le squadre di Eccellenza vincitrici degli spareggi regionali. Per stabilire eventuali promozioni la stessa Lnd ha deciso di stilare una tabella in cui vengono attribuiti dei punteggi per meriti sportivi alle 28 squadre provenienti dai vari campionati di Eccellenza mettendo a disposizione 7 posti, gli stessi previsti nel meccanismo dei playoff nazionali.

Con questa decisione la Lnd ha confermato che il campionato di Eccellenza non avrà un interesse nazionale per quello che riguarda il calcio giocato e che le promozioni verranno assegnate con una tabella di merito sportivo. Un altro passo indietro è stato fatto con l’annullamento della fase nazionale della Coppa Italia. Il tutto senza dimenticare che ogni singolo Comitato Regionale non ha nessun potere in materia e che si deve adeguare a quello che stabilisce il governo in materia di attività sportiva. La stragrande maggioranza delle società di Eccellenza sarebbe orientata all’annullamento della stagione sportiva e questo non sarebbe poi un problema con il blocco delle retrocessioni dalla serie D.

Ti potrebbero interessare