Dolphins Ancona, tutto pronto per la sfida contro gli storici rivali dei Ducks Lazio

FOOTBALL AMERICANO – Appuntamento domani (domenica) alle 14.30 al “Nelson Mandela”

Domenica alle ore 14.30 mal “Nelson Mandela” i GLS Dolphins Ancona, imbattuti in campionato, affronteranno gli storici rivali dei Ducks Lazio. Anche i romani sono imbattuti ma, a differenza dei Dolphins, sino ad ora han disputato una sola partita di campionato. Pura distinzione statistica. I Dolphins sanno benissimo quanto forti e temibili siano i Ducks e quanto accesa e sentita sia la sfida sportiva tra le due squadre, nata ai tempi in cui la prima divisione era divisa in gironi geografici, ed i Ducks erano i Marines Lazio, e le due franchigie si contendevano costantemente il primato di regina del sud.Subito spazio al coach dei Dolphins Roberto Rotelli per sapere cosa attenderci da questa partita.

«Lo scorso anno all’esordio in campionato abbiamo vinto e bene contro i Ducks. E quest’anno loro hanno battuto di misura i Rhinos, mentre noi lo abbiamo fatto con ampio margine. Ma tutte queste analisi lette e sentite in giro contano poco perché se valessero queste equazioni tanto varrebbe non giocare e fare tutto a tavolino. I Ducks sono una formazione coriacea, determinata, fatta di gente abituata a lottare e che non si arrende mai. È in tutto e per tutto uno scontro diretto. Chi lo vincerà farà un passo importante verso l’obiettivo playoff. Ecco perché vogliamo vincere. Chi dobbiamo temere particolarmente dei Ducks? Gli italiani li conosciamo bene. Mi soffermerò quindi sui loro import a mio modo di vedere molto sottovalutati rispetto ad altri giunti in Italia in questo 2022. Ryan Curtiss, un wide receiver che può giocare anche tight end e in difesa mi pare davvero completo. Tim Russell è un linebacker quadrato che da molto ordine alla difesa. È in assoluto uno dei giocatori che più mi ha sorpreso in questo inizio di campionato. E infine il quarterback angloamericano Calvin Stitt. È molto mobile, sa lanciare, correre. Trova sempre un modo per passare la difesa. Starà a noi trovare il modo di fermarlo».

E i Dolphins come stanno? «Abbiamo ancora Stefano Chiappini infortunato e per noi è una gravissima assenza tecnica e umana. Poi molti saranno fuori per influenza o covid. Faremo come sempre di necessità virtù e giocheremo con chi sarà disponibile. Mi attendo una conferma da parte della difesa dopo le splendide prove sin qui fornite, mentre l’attacco deve trovare quella continuità di cui ogni tanto difetta. Ovvio in settimana abbiamo lavorato anche in questa direzione».

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia