Didattica a distanza, Regione Marche al lavoro per aiuti economici agli studenti

L’obiettivo è sostenere l’acquisto di strumenti informatici e l’erogazione di contributi per gli affitti universitari

La decisione di favorire la didattica a distanza per le scuole superiori e le università comporta alcune difficoltà per gli studenti e le famiglie. Così, su indicazione del presidente Acquaroli, gli assessori al bilancio, Guido Castelli, e all’istruzione, Giorgia Latini, in queste ore stanno lavorando per ottimizzare delle soluzioni che vadano a sostenere l’acquisto e la messa a disposizione di strumentazione informatica e l’erogazione di contributi per gli affitti per gli studenti universitari.

“Sappiamo che la didattica a distanza comporta alle famiglie delle incombenze legate sia alla disponibilità di dispositivi tecnologici e sia al tema degli affitti per gli studenti universitari fuori sede”. Questo quanto afferma il Presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli.

“Per questo, grazie all’iniziativa dell’assessore all’istruzione, Giorgia Latini, con la collaborazione dell’assessore al bilancio, Guido Castelli, sono al vaglio della Regione aiuti economici per l’acquisto di strumentazione tecnologica per permettere ai ragazzi la migliore fruizione delle lezioni a distanza e per erogare contributi per gli affitti degli studenti universitari fuori sede. Nei giorni scorsi ci siamo confrontati con i Rettori degli atenei marchigiani e con il mondo della scuola e abbiamo raccolto le istanze di chi, anche sacrificando le proprie normali attività, contribuisce ogni giorno alla lotta al Coronavirus”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia