Diciannovenne investita e uccisa dal padre: per l’accusa fu omicidio volontario

L’imputato è accusato anche di violenze sessuali sulla giovane e di maltrattamenti anche nei confronti degli altri figli

Non fu preterintenzionale ma volontario l’omicidio di Azka Riaz la 19enne pakistana morta a Trodica di Morrovalle, secondo l’accusa, investita da un’auto quando era già a terra perché picchiata dal padre la sera del 24 febbraio 2018. Al processo in corso a porte chiuse in Corte d’Assise a Macerata a carico del 47enne Muhammad Riaz, la Procura ha deciso a sorpresa di modificare l’imputazione in base alle testimonianze raccolte e soprattutto dopo aver ascoltato la madre di Azka che ha riferito alcune conversazione telefoniche avute con il marito mentre lei era in Pakistan: lui accusava i figli di non rispettare la sua autorità e le ‘confessò’ che se fossero stati in Pakistan li avrebbe “già ammazzati”. Riaz, sostiene ora l’accusa, avrebbe picchiato la 19enne quella sera per provocarne la morte: stesa a terra sarebbe stata sicuramente investita da un’auto. L’imputato è accusato anche di violenze sessuali su Azka e di maltrattamenti anche nei confronti degli altri figli ora ospiti di una casa protetta.

(Ansa)

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS