Deceduto improvvisamente il papà di Pamela Mastropietro

Stefano Mastropietro, il padre, di Pamela Mastropietro, la giovane uccisa a Macerata, in occasione della trasmissione tv in onda su Rai1 "Porta a Porta" condotta da Bruno Vespa, 20 febbraio 2018. ANSA/ANGELO CARCONI

Ipotesi malore per il 44enne Stefano, trovato senza vita in casa a Roma: la figlia fu uccisa nel 2018 a Macerata

Sarebbe morto per un malore Stefano Mastropietro, 44 anni, il padre di Pamela, la ragazza di 18 anni violentata e brutalmente uccisa a Macerata nel gennaio del 2018. Lo hanno trovato in casa privo di vita, sul corpo nessun segno apparente di violenza. A scoprire il cadavere dell’uomo, nel suo appartamento di Morena, alla periferia di Roma, sono stati gli agenti di polizia allertati dai familiari alla luce del fatto che il quarantenne da alcuni giorni non rispondeva alle telefonate. Il decesso, quindi, risalirebbe a 4 o 5 cinque giorni fa.

Secondo una prima ricostruzione Mastropietro potrebbe avere sbattuto la testa dopo una caduta: una ipotesi avvalorata da alcune macchie di sangue trovate a terra. Risposte sulle cause della morte arriveranno, comunque, dall’autopsia disposta dal pm di turno.

Nella tragica vicenda di Pamela l’ultima sentenza risale al 22 febbraio scorso. I giudici della corte d’Assise d’Appello di Perugia, nell’ambito del processo bis di secondo grado, hanno confermato l’ergastolo per Innocent Oseghale, 33enne pusher nigeriano, accusato di avere violentato, ucciso e fatto a pezzi la diciottenne. Questo segmento processuale riguardava la sola accusa di violenza sessuale che era stato trasmesso nel capoluogo umbro per questioni procedurali dopo che la Cassazione aveva definitivamente confermato la condanna per l’omicidio.

Anche quel giorno il papà di Pamela era presente in aula. “Un altro punto. Siamo molto felici e orgogliosi della sentenza. Spero con tutto il cuore che venga confermata in Cassazione, ce lo auguriamo io e la madre”, aveva commentato dopo la lettura della sentenza non nascondendo di avere provato “grande gioia”.

La mamma di Pamela commentò la sentenza sostenendo che altre persone devono essere ancora assicurate alla giustizia: “ci sono altri mostri fuori da prendere”, disse. Il corpo della giovane venne ritrovato all’interno di due trolley sul ciglio di una strada a Pollenza, vicino Macerata, dove Oseghale l’aveva lasciato. L’uomo uccise Pamela con due coltellate al fegato dopo aver avuto con lei un rapporto, approfittando dello stato di fragilità della ragazza scappata il giorno prima da una comunità terapeutica – dove stava cercando di disintossicarsi- e che aveva assunto eroina procurata proprio per il tramite di Oseghale.  L’omicidio, secondo l’accusa, sarebbe stato il modo per evitare che lei lo denunciasse. Il 32enne ha sempre sostenuto che Pamela accusò un malore in casa dopo essersi iniettata eroina e che poi morì: lui, preso dal panico, secondo la sua versione dei fatti, smembrò il corpo solo per disfarsene.

(Ansa)

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS