Dallo schianto all’inaugurazione di due nuovi mezzi: la storia delle ambulanze della Croce Gialla

Tante le donazioni e la solidarietà

E’ il pomeriggio del 18 dicembre del 2021 quando la centrale operativa del 118 invia un mezzo della Croce Gialla di Ancona dalle parti di via Flaminia per una persona colta da una crisi cardiaca. Al volante di questa ambulanza uno degli autisti più anziani dell’associazione con oltre 30 anni di esperienza nella guida di questi mezzi di soccorso. Al suo fianco un milite soccorritore, un volontario, così come lo è l’autista ma quella ambulanza all’incrocio tra via Giordano Bruno e via Lauro Rossi si schianta contro una vettura. Un impatto terrificante al punto tale che il mezzo di soccorso dopo aver abbattuto l’impianto semaforico finisce la corsa contro un platano a bordo strada.

In via Giordano Bruno cala un silenzio assordante rotto solo dal suono delle sirene di altri mezzi di soccorso intervenuti sul luogo del sinistro in quanto il soccorritore era rimasto ferito al capo (leggi). L’impatto con la vettura è devastante e nonostante le consulenze fatte all’indomani del sinistro, il mezzo della Croce Gialla deve essere demolito, impensabile ipotizzare un recupero di questa ambulanza. Per l’associazione si delinea un Natale e un fine anno velato di tristezza e di preoccupazione anche per il fatto che questi mezzi cosi accessoriati vengono utilizzati sia per il servizio di emergenza territoriale che per i trasferimenti viaggi compresi con personale medico a bordo.

E proprio a ridosso del Natale che la Croce Gialla decide di chiedere aiuto alla cittadinanza rimasta sconvolta per quanto accaduto in via Giordano Bruno. Giorno dopo giorno iniziano ad arrivare le prime donazioni sia da parte dei cittadini ma anche da alcuni operatori commerciali del capoluogo di regione, compreso un noto carrozziere di Ancona che proprio alla vigilia di Natale stacca un assegno da 2000 euro. Qualcosa di importante si muove poi ad anno nuovo una telefonata arriva sul cellulare del presidente Alberto Caporalini. A chiamare il numero uno della Croce Gialla i coniugi Aroldo e Teresa Radoni che venuti a sapere di quanto accaduto decidono di donare una ambulanza. A distanza di quasi 5 mesi da quel 18 dicembre del 2021 nella giornata di ieri a piazza Cavour c’è stata l’inaugurazione di questi due nuovi mezzi: uno donato dalla famiglia Radoni, l’altro invece acquistato con le offerte raccolte all’indomani del sinistro e con il 5×1000 versato dagli anconetani e non solo nella dichiarazione dei redditi.

Giada Berdini
Author: Giada Berdini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS