Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Cus Ancona eliminato, ma che festa contro l’Acqua&Sapone

/
img
Cus Ancona, sfida storica contro l'Acqua&Sapone

CALCIO A CINQUE, COPPA – Mammarella e compagni battono 4 a 1 i dorici in un Palacus gremito per l’occasione

Pronostico rispettato al Palacus di Posatora dove l’Acqua&Sapone ha vinto per 4 a 1 il confronto diretto con il Cus Ancona. Pubblico delle grandi occasioni per la gara di Coppa di Divisione, d’altronde non tutti i giorni capita di vedere da queste parti una formazione titolata come l’Acqua &Sapone, società che ha fatto la storia del calcio a 5 a livello nazionale.

Una serata di festa per entrambe le squadre che sono state accompagnate a centrocampo dai ragazzini del settore giovanile del Cus Ancona. Primo tempo che si è chiuso sul parziale di 2-0 per la formazione ospite, con il Cus Ancona che ha avuto diverse occasioni per pareggiare prima e accorciare le distanze poi. Alla ripresa delle ostilità l’Acqua&Sapone ha trovato il terzo gol, Ancona ha sbagliato un rigore per poi segnare con Bartolucci. Nei minuti di finali è arrivato la quarta rete dell’Acqua&Sapone. Una serata di festa dove mister Battistini ha fatto ruotare l’intera rosa compreso Pego, l’argentino reduce da un infortunio, oltre a Federico De Luca, uno dei due portieri del Cus Ancona che a fine gara ha ricevuto i complimenti di Mammarella, portiere dell’Acqua&Sapone e della Nazionale italiana. “Ricevere i complimenti da un portiere come Mammarella è stato qualcosa di emozionante – afferma l’estremo dorico De Luca – Sono nato e cresciuto nel Cus Ancona, questa maglia è un po la mia seconda pelle. Tutti avrebbero voluto giocare questa partita. E’ stata una serata di sport che ha coinvolto il pubblico del Palacus, mi dispiace solo per Marco Belloni, il nostro capitano, che ha dovuto scontare una squalifica”.

Risultato a parte, cosa l’ha colpita di questa squadra considerata una delle più forti a livello nazionale? “Il loro modo di stare in campo, ma sopratutto la disponibilità che hanno mostrato a fine partita. Basti pensare che Mammarella poteva benissimo andare sotto la doccia e invece si è fermato a parare i rigori calciati dai ragazzini del settore giovanile del Cus Ancona. Nel primo tempo Avellino, nazionale argentino, ha deviato in maniera involontaria un pallone verso la tribuna. Prima di recuperare la posizione in mezzo al campo è andato a chiedere scusa per quanto accaduto. Un gesto gentile che di certo non è passato inosservato. Da questi particolari si capisce il valore dei nostri avversari, gente abituata ad intrattenere certi rapporti. Nonostante la loro bravura, noi come Cus Ancona abbiamo fatto la nostra partita senza alcun tipo di timore. Potevamo segnare nel primo tempo, le occasioni le abbiamo avute, ma alla fine ha vinto meritatamente la squadra più forte”.

Ringraziamenti per l’accoglienza avuta ad Ancona sono stati pubblicati anche sulla pagina Facebook dell’Acqua&Sapone Futsal in cui si sottolinea proprio il clima di accoglienza e di amicizia che la stessa società abruzzese ha ricevuto dal Cus Ancona.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar
error: Contenuto protetto !!