Covid, Pasqua: vietati spostamenti nelle seconde case ai non residenti nelle Marche

Il governatore Acquaroli ha firmato l’ordinanza valida dal 29 marzo alla mezzanotte del 5 aprile

Un freno agli spostamenti nelle Marche, da fuori regione, per il periodo Pasquale. Il Presidente della Regione Francesco Acquaroli ha firmato, questa mattina, l’ordinanza per vietare ai cittadini non residenti e non domiciliati nelle Marche di raggiungere le proprie abitazioni, diverse da quella principale, le cosiddette ‘seconde case’, nel periodo Pasquale.

L’ordinanza, fa sapere la Regione, entra in vigore lunedì 29 marzo compreso e sarà valida fino alle 24 di lunedì 5 aprile. Lo spostamento “resta consentito solo in presenza di comprovate esigenze lavorative o situazione di necessità o motivi di salute, sempre mediante l’uso dell’autocertificazione. Un provvedimento ritenuto necessario – conclude la Regione – in forza del principio di precauzione e alla luce dell’evolversi della situazione pandemica nelle Marche”. (Ansa)

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia