Coronavirus, nave da crociera con turisti marchigiani bloccata al largo del Mar dei Caraibi

La Costa Favolosa doveva approdare a Tortola nelle Isole Vergini ma i passeggeri non sono potuti sbarcare per un provvedimento sanitario dell’autorità locale

Panico sulla Costa Favolosa bloccata al largo del mar dei Caraibi per sospetto contagio di Coronavirus. Una vacanza rovinata per oltre 100 marchigiani intrappolati sulla nave della compagnia Costa Crociere. Tra i passeggeri sono presenti anche molti anconetani e altrettanti viaggiatori dal Nord Italia.

Si tratta di un gruppo di persone, residenti in Veneto e Lombardia, che sabato scorso hanno preso un volo da Milano Malpensa che ha fatto scalo a Falconara dove sono saliti gli oltre 100 marchigiani diretti a Guadalupa, un gruppo di isole del mar dei Caraibi.

Dopo 9 ore di volo i turisti si sono imbarcati sulla Costa Favolosa e hanno risalito la costa della Repubblica Dominicana: sono scesi a Santo Domingo, hanno fatto una tappa sull’isola Catalina e si sono diretti a Tortola, la più popolosa delle Isole Vergini britanniche. Ma qualcosa è andato storto: oggi (26 febbraio), i passeggeri non sono potuti scendere a causa di un provvedimento sanitario emesso dalle autorità locali.

La nave da crociera con a bordo 2.600 persone e 300 persone circa di equipaggio è stata indirizzata a Saint Martin, un’isola a nord dei Caraibi. Non si hanno informazioni sul proseguimento o no del viaggio, i passeggeri ancora non sanno se potranno scendere alla prossima tappa del viaggio. Secondo l’itinerario, la nave dovrà raggiungere l’isola di Marinica nell’arcipelago delle Piccole Antille, poi torneranno a Guadalupa per riprendere l’aereo diretto a Falconara e poi a Milano.

Le persone a bordo sono terrorizzate dall’idea che possano essere messe in quarantena proprio perchè sul volo partito da Milano è salita gente proveniente dal Nord Italia, punto nevralgico del Coronavirus.

error: Contenuto protetto !!