Cornacchini sgonfia la cinquina inedita: “Una stranezza per le mie squadre”

Cornacchini all'Helvia Recina prima di Matelica-Fermana

SERIE C – Il mister della Fermana archivia la debacle di Matelica supportato dai dati: gli era successo solo in Coppa Italia Lega Pro

Alla Fermana in C non capitava da 15 anni. A Ginestra era successo solo due volte in carriera (leggi). E a mister Giovanni Cornacchini? Mai in campionato le sue squadre avevano incassato 5 gol, spulciando tra le sue 500 panchine tra Eccellenza e Lega Pro. Il Matelica domenica ha presentato il conto a tutti in una di quelle giornate buie che capitano pochissime volte nella vita.

Cornacchini e il dg Conti

“In effetti è complicato che le mie squadre per mentalità e per caratteristiche possano subire così tanto – ha detto Jo Condor in conferenza archiviando la debacle -. Devono succedere cose stranissime che ti fanno perdere gli equilibri. E’ capitato con il Matelica ed ho riflettuto molto, qualcosa abbiamo sbagliato ma oramai è successo”.

C’è sempre la prima volta. Anzi la seconda. Solo in una circostanza Cornacchini vide i suoi giocatori incassare un pokerissimo. Quando? Coppa Italia Lega Pro, Ascoli-Ancona. “Ma c’ero io? Me lo sarei ricordato… Ah sì, eravamo agli inizi…”, ci ripensa Jo Condor. Parliamoci chiaro. La Coppa Italia di Serie C era poco più d’una amichevole e il 23 agosto 2014 la matricola Ancona che aveva appena vinto la D si presentò al Del Duca. Finì 5-3 con i gol bianconeri di Mustacchio, Mengoni, Perez, Berrettoni e Chiricò (sì, il talento del Padova che ha punito la Fermana all’Euganeo qualche turno fa) e sigilli per l’Ancona di Tulli, Gelonese e Pizzi. Chiusa parentesi e finite le curiosità.

Tornando all’attualità c’è una Fermana che all’Helvia Recina ha fatto male e nelle ultime quattro gare ha totalizzato 2 punti. Nonostante questo con 26 punti in 18 gare nella gestione Cornacchini i canarini sarebbero settimi in classifica in piena zona playoff. “Peccato che però adesso siamo tredicesimi – ha sorriso il mister -. Dobbiamo pensare al futuro e prepararci bene per il Modena. Primo momento difficile della mia gestione? Forse qualcuno pensava che non ci sarebbe stato un calo, ma non io: nell’arco di un campionato è prevedibile. Ci stanno mancando anche dei giocatori e magari non stiamo benissimo come prima”.

Le fibrillazione post-Matelica sono comunque state assorbite. “Nello spogliatoio è tutto ok, non si è rovinato nulla, ripartiamo in serenità pedalando con i fatti e senza chiacchiere“. Nell’anticipo di sabato al Recchioni (fischio d’inizio ore 17.30) Cornacchini recupererà Boateng, Graziano e Mordini che hanno scontato la squalifica, forse anche Sperotto. Più complicato vedere Manetta che dovrà fare un’ecografia al flessore.

 

 

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia