Controlli in spiaggia a Villanova e Palombina contro la presenza di spacciatori e abusivi

Multe alle auto dei bagnanti, invece, da parte della Municipale, ma la segnaletica non è chiara

Carabinieri in spiaggia tra Falconara e Palombina; Polizia Municipale in strada (con il comune di Ancona che potrebbe non incassare in caso di ricorso parte delle multe fatte proprio a Palombina). Ad effettuare i controlli in spiaggia nel tratto di mare compreso tra Palombina e Villanova, gli uomini della Tenenza dei Carabinieri di Falconara e quelli della Stazione di Collemarino. A Villanova a finire nei guai una bulgara di 33 anni già nota alle forze dell’ordine pizzicata con grammo di hashish  e un 21enne della Guinea che aveva addosso circa 1 grammo di marijuana sfusa.

 

Controlli sopratutto nella zona di Villanova, che verranno ripetuti anche nei prossimi giorni, essendo questo tratto di costa ritenuto a rischio sia per il consumo che lo spaccio di sostanze stupefacenti anche per la scarsità di stabilimenti balneari. Carabinieri che hanno poi controllato il litorale di Palombina. Numerosi i venditori di vestiti e costumi in genere fermati lungo la battigia, molti dei quali sono risultati essere in regola. Altri invece alla vista dei militari hanno preferito far perdere le proprie tracce. Presenza, quella dell’Arma in riva al mare, che di certo non è sfuggita ai bagnanti, che comunque sia hanno percepito un livello più alto in fatto di sicurezza personale.

Al lavoro anche una pattuglia della Polizia Municipale lungo via Flaminia, dove la segnaletica stradale è quanto mai fatiscente con il comune di Ancona che in caso di ricorso potrebbe perdere parte delle multe fatte proprio a Palombina. Lungo la corsia diretta verso Ancona di solito vengono elevate sanzioni per divieto di sosta. Ma la segnaletica orizzontale indica ancora la presenza delle righe bianche dei box che interessano parte dell’asfalto e del marciapiede, nonostante tempo addietro siano state realizzate le strisce verticali di fine parcheggio.

 

Box bianco che peraltro è ancora presente difronte all’attraversamento pedonale che conduce al vecchio cavalcavia in cemento. Tanta confusione anche dall’altra parte della carreggiata dove di solito le sanzioni vengono fatte nel tratto compreso tra la rotatoria di Collemarino e l’inizio del parcheggio che si trova sotto il cavalcavia. In questo caso manca il cartello di fine divieto di sosta e di fermata, nonostante poco più avanti sempre lungo la strada ci siano decine di box con le righe bianche.

Giada Berdini
Author: Giada Berdini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS