Contributo di Autonoma Sistemazione: indagati altri settantacinque furbetti

L’inchiesta ha interessato anche l’ascolano, in molti hanno scelto di restituire le somme

Prima il Lazio, con gli eclatanti casi di Amatrice, poi la provincia di Macerata, con l’indagine della Guardia di Finanza di Camerino che ha portato alla denuncia di numerosi “presunti sfollati” e, ora, anche Ascoli Piceno. Sono circa 75, infatti, i casi di presunta percezione indebita del Contributo di Autonoma Sistemazione su cui sta indagando la magistratura ascolana. Inizialmente, grazie al lavoro della Polizia Locale, i casi segnalati erano stati circa 100, ma poi si è proceduto a seguito dei riscontri effettuati solo per 75 cittadini. Molti hanno già provveduto a restituire il contributo, ammettendo di essere incappati in errore, altri hanno chiesto al Comune di poter procedere ad una restituzione rateizzata, mentre per tre dei 75 la strada è stata quella del ricordo.

Nella maggior parte dei casi viene contestato ai cittadini che hanno percepito il CAS di aver certificato di risiedere stabilmente nelle abitazioni danneggiate, ma l’incrocio di alcuni dati (come i consumi delle utenze) avrebbero dimostrato il contrario.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS