Continua l’odissea della stazione ferroviaria di Palombina

La stazione

Iniziano i lavori per la stagione estiva ma il problema a due passi dalla spiaggia si ripresenta

La stagione estiva ovviamente non è ancora iniziata ma da qualche settimana, complice le temperature miti, nella spiaggia di Palombina ad Ancona i tanti operatori della zona hanno iniziato i classici lavori di rimessaggio agli stabilimenti balneari. C’ è chi sistema le cabine, chi deve aggiornare l’impianto elettrico, chi dà una mano di vernice e chi in qualche maniera si ritrova a sistemare bar e ristoranti. Un lavoro in prospettiva per una stagione estiva che di solito muove i primi passi nel mese di Maggio anche per il fatto che Palombina è una delle spiagge più amate dagli anconetani.

Nonostante ciò, gli operatori commerciali della zona si apprestano a vivere la quarta stagione estiva con il problema legato alla vecchia stazione ferroviaria che si trova adiacente al vecchio cavalcavia. Una odissea iniziata 4 anni fa quando i vecchi gestori del bar e del ristorante che si trovava nei locali della stazione hanno deciso di non rinnovare il contratto di locazione con le ferrovie proprietarie dei locali. Se prima l’immobile era tenuto in uno stato decoroso, con la chiusura del bar e del ristorante, causa mancanza di manutenzione, sono iniziati i primi problemi che con il passare degli anni sono aumentati in modo esponenziale. Buona parte dei vetri che componevano le pareti esterne della sala ristorante sono rotti e rischiano di cadere giù da un momento all’altro. Come se non bastasse c’è il problema dei cordoli in cemento che fungono da decoro alla facciata esterna della palazzina. Di fronte a questa situazione le ferrovie come proprietario dell’immobile non ha fatto altro che delimitare la zona con una sorta di pannelli in ferro collegati tra di loro con tanto di telo verde ombreggiante.

palombina-stazione-1

Una situazione che va avanti da quattro anni ed è destinata a creare  problemi anche in vista dell’arrivo della nuova stagione estiva. Transenne che di fatto impediscono alle persone di imboccare il vialetto che costeggia la ferrovia obbligando i bagnanti a passare di fronte agli stabilimenti balneari creando degli assembramenti. Un problema, quello degli assembramenti, che si era verificato lo scorso anno e che potrebbe ripresentarsi con l’arrivo della nuova stagione. Come se non bastasse, c’è la questione dell’accesso in spiaggia dei soccorsi con i sanitari che sono obbligati a passare sempre di fronte agli stabilimenti balneari, cosa non molto agevole con una barella e con il materiale di primo soccorso invece che transitare lungo il vialetto. Nell’indifferenza generale, la spiaggia di Palombina si appresta a vivere la quarta stagione con il problema della stazione ferroviaria. E pensare che basterebbe rimuovere i vetri della sala ristorante, peraltro realizzata in tubi innocenti, e mettere mano ai cordoli esterni ritenuti ammalorati per ridare un minimo di dignità a questa zona. Transenne che rappresentano un ostacolo non indifferente per l’accesso in spiaggia delle persone.

error: Contenuto protetto !!