Consegna la pizza a domicilio ma nell’ordine c’è anche la cocaina: arrestato ristoratore

Il 53enne, L.M., era da tempo nel mirino degli agenti

Arrestato dalla Squadra Mobile un ristoratore italiano di 53 anni colto nella flagranza del reato di spaccio mentre cedeva a domicilio una dose di cocaina per 70 euro.
Nelle tardo pomeriggio di ieri (28 agosto), i poliziotti dell’Antidroga della Squadra Mobile dorica, hanno completato un’attività investigativa che si è conclusa proprio quando l’uomo, che da tempo era stato attenzionato, si apprestava a consegnare la droga.

 

A conclusione dell’ennesimo servizio di appostamento e pedinamento, i poliziotti hanno bloccato il soggetto mentre effettuava una consegna di una pizza a domicilio, servendosi del ciclomotore utilizzato per le consegne di vivande. L’uomo è stato arrestato subito dopo aver consegnato una dose di cocaina al cliente che, oltre alla pizza, aveva pagato anche 70 euro per lo stupefacente.

Le successive perquisizioni personale e presso l’abitazione dell’arrestato permettevano di rinvenire 500 euro contanti nelle tasche del 53enne, sicuramente provento dell’attività illecita, mentre all’interno dell’appartamento altri 10 grammi di cocaina, suddivisa in 3 involucri nonché materiale per il confezionamento.

Visti gli inconfutabili riscontri oggettivi, L.M. è stato tratto in arresto per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze.
Su disposizione della Procura della Repubblica di Ancona, l’uomo è stato sottoposto, presso l’abitazione, agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, in attesa di giudizio con rito direttissimo.