Comitato Pro Ospedali Pubblici Marche: “No ai nosocomi unici provinciali”

L’Assemblea Regionale si è svolta sabato 9 novembre a Civitanova

Sabato 9 novembre si è svolta a Civitanova la partecipatissima e riuscitissima Assemblea Regionale aperta del Comitato Pro Ospedali Pubblici Marche, comitato regionale a tutela della sanità marchigiana e a difesa degli ospedali pubblici, a cui aderiscono oltre 15 comitati locali delle 5 province marchigiane: dall’interno pesarese alla provincia di Ascoli Piceno; dal fermano alla provincia di Ancona con i comitati di Fabriano, Jesi e Senigallia; dai Sibillini e l’appennino marchigiano, passando per località collinari come Recanati, Loreto, Pergola, fino ad arrivare a città costiere come Civitanova Marche, San Benedetto, Pesaro, Fano.

Il direttivo

Hanno condotto l’assemblea il presidente regionale del comitato Carlo Ruggeri, la presidente provinciale Giovanna Capodarca e la vicepresidente provinciale dott.ssa Beatrice Marinelli, figura tecnica del comitato regionale impegnata da tempo nella conduzione di assemblee ad incontri pubblici con finalità informative e divulgative in tutta la regione. Presenti i presidenti e i direttivi di tutti i comitati per la sanità aderenti, ma anche comitati collaterali, professionisti, operatori del settore sanitario, privati cittadini, politici, rappresentanti delle istituzioni. Tra questi ultimi i civitanovesi Pierpaolo Borroni, Sergio Marzetti, Stefano Massimiliano Ghio, ma anche tre sindaci storicamente molto battaglieri in materia di sanità pubblica: Francesco Baldelli, per 10 anni sindaco di Pergola (PU); Filippo Saltamartini, due volte sindaco di Cingoli (MC), attualmente vicesindaco; Riccardo Treggiari, già sindaco di Amandola.

Dopo l’introduzione della presidente provinciale del comitato Giovanna Capodarca Agostinelli, è stato il presidente del comitato regionale Carlo Ruggeri, dando voce alle numerose segnalazioni che pervengono al comitato circa le croniche lungaggini delle liste d’attesa per visite e prestazioni e gli affollamenti dei pronto soccorso, ad illustrare i quattro punti programmatici del Comitato Pro Ospedali Pubblici Marche ossia: la contrarietà agli ospedali unici provinciali; il mantenimento degli ospedali attuali; la riapertura parziale dei 13 ospedali che nei soli ultimi 4 anni sono stati declassati in case della salute e cronicari, diventando di fatto ospedali “chiusi a porte aperte”; l’implementazione di piccoli punti di assistenza sociosanitaria nelle zone montane e più impervie.

Dott.sa Beatrice Marinelli, figura tecnica del Comitato

L’assemblea è proseguita con l’accurata relazione tecnica della Dott.ssa Beatrice Marinelli che dopo aver ripercorso le tappe normative nazionali e regionali in ambito di sanità pubblica, ha sottolineato i fattori ed i provvedimenti che hanno condotto alla situazione attuale ed alle ripercussioni anche gravi sui cittadini, sui malati, sulle famiglie, ed ha illustrato dettagliatamente le criticità e gli elementi di preoccupazione contenuti nel nuovo piano socio-sanitario regionale in via di approvazione in queste settimane in Regione Marche.

Preziosi i contributi di tutti i comitati delle cinque province che sono intervenuti in assemblea relazionando le specifiche situazioni di carenze e disservizi nei diversi ospedali dei rispettivi territori e sono convenuti in una linea unitaria, congiunta e condivisa da attuare nei prossimi mesi per un’azione sempre più determinante ed incisiva sulle scelte politiche strategiche ed organizzative prossime venture.

Il sindaco di Pergola, Francesco Baldelli, con la dott.ssa Beatrice Marinelli
Vicesindaco di Cingoli, Filippo Saltamartini
redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS