Come sta evolvendo l’esperienza di gioco in Italia?

L’Italia non sarà il Paese più grande o avanzato tecnologicamente, né una potenza economica di livello globale, ma quando si parla di gaming la situazione cambia. Sono in poche le nazioni che possono vantare la passione che dimostrano di avere i nostri videogiocatori: una realtà testimoniata anche dagli ottimi risultati collezionati dai campioni tricolori nel settore degli eSports. Di conseguenza, è sempre il caso di tenersi aggiornati sulle principali tendenze nell’ambito del gaming, ed è esattamente ciò che faremo oggi: ovvero una rapida carrellata dei trend che, al momento, si sono guadagnati le copertine.

Il settore degli eSports

Gli eSports, o sport elettronici, rappresentano una delle aree più dinamiche e con un tasso di crescita davvero esponenziale. Inizialmente relegati alle nicchie di appassionati, hanno acquisito nel tempo una visibilità mainstream, di caratura globale. L’Italia segue questo trend con un interesse crescente, sia in termini di pubblico che di partecipanti attivi, oltre che di vittorie in ambito internazionale.

Per fare qualche esempio concreto, fra i successi più importanti negli sport elettronici troviamo la vittoria al mondiale di Starcraft II firmata da Riccardo Romiti nel 2021. Lo stesso anno ha visto trionfare un altro italiano, ovvero Marco Ragusa, eletto campione del mondo di Quake. Altri nomi eccellenti, che hanno tenuto alto il vessillo tricolore nel comparto degli eSports, possono essere scoperti su questa pagina di Tuttosport.

Ebbene, il 2021 può essere considerato un anno chiave per l’inizio della scalata al successo degli sport elettronici, che oggi rappresentano indubbiamente la principale evoluzione nel panorama italiano in termini di gaming. Soprattutto per via di una diffusione che non sembra volersi arrestare, e che conquista ogni anno una fetta sempre maggiore di pubblico. I dati dell’Osservatorio Italiano eSports, infatti, ci comunicano che il 12% dei cittadini tricolori segue e tifa attivamente (circa 6 milioni di persone).

La realtà virtuale

La realtà virtuale non rappresenta una novità nel senso stretto del termine, ma negli ultimi anni ha visto crescere le sue potenzialità e soprattutto la sua accessibilità. Oggi i visori VR costano ancora molto, ma si parla di cifre decisamente più abbordabili rispetto al recente passato, e con tecnologie di molto superiori. L’applicazione della virtual reality nel settore del gaming, fra l’altro, oggi può contare sulla fusione con un’altra tecnologia d’avanguardia, ovvero la realtà aumentata (AR).

Anche in questo caso è bene fare degli esempi concreti. Basti pensare al visore Meta Quest 3, famoso per aver lanciato il concetto di “realtà mista”, proprio perché riesce a fondere quasi alla perfezione queste due tecnologie. La VR, inoltre, consente agli utenti di immergersi in ambienti tridimensionali interattivi, e questo fattore sta modificando il design dei videogiochi, con le software house che sperimentano nuove meccaniche e modalità di narrazione.

Attualmente non esiste nessun’altra tecnologia in grado di plasmare in modo così profondo l’esperienza di gioco degli utenti, e ciò la rende la vera regina del nostro approfondimento. Non potrebbe essere altrimenti, considerando che elementi come il VR e il metaverso oramai sono protagonisti in qualsiasi settore, compresi i corsi di laurea. Certo, gli appassionati si aspettano che tali tecnologie possano raggiungere livelli ancora superiori, ma bisogna sempre tenere a mente l’impatto di tale evoluzione hi-tech sul costo degli hardware. Il segreto, quindi, è mantenere un certo bilanciamento.

Gambling e casinò live

Nel settore del gambling, il contesto italiano mostra una forte inclinazione verso le piattaforme online. Queste realtà propongono agli utenti un’ampia varietà di giochi tradizionalmente associati ai casinò fisici, come le slot machine, la roulette e il poker, ma con una differenza: sono accessibili da device connessi a Internet come gli smartphone e i computer. La vera novità, però, riguarda l’evoluzione di queste piattaforme verso una sorta di ritorno alle origini.

Si fa riferimento nella fattispecie ai live casinò autorizzati dall’ADM (ex AAMS). Grazie allo streaming video in tempo reale, i giocatori possono vivere l’esperienza di una sala da gioco classica direttamente dalla propria poltrona. Le partite vengono infatti gestite da croupier in carne e ossa, il che aiuta a ricreare l’atmosfera tipica dei casinò terrestri, senza la necessità di spostarsi fisicamente. Si tratta di uno step reso possibile non solo dal potenziamento delle connessioni Internet, ma anche dai corposi investimenti effettuati dalle società del settore.

Il mobile gaming

Mobile gaming fa rima, oramai da anni, con accessibilità e portabilità. Gli smartphone si sono evoluti, diventando piattaforme molto potenti, e un crescente numero di italiani sfrutta questi device per l’intrattenimento digitale, compreso il gaming. Si parla inoltre di un settore che viene arricchito ogni anno da titoli capaci di coprire qualsiasi genere o nicchia, dai puzzle game agli FPS, passando per i giochi di calcio.

Il fulcro di questa innovazione, come già accennato, lo troviamo nello sviluppo di tecnologie sempre più avanzate, e nella loro miniaturizzazione. Oggi gli smartphone top gamma, insieme a quelli realizzati specificatamente per il gaming, consentono di stringere tra le mani una vera e propria console, che non ha nulla da invidiare alle piattaforme classiche che da anni campeggiano nei nostri salotti.

A loro volta, le software house hanno intuito tutto il potenziale del mobile gaming, gettandosi a capofitto in un mercato milionario. Un mercato che allo stato attuale vale più di 23 miliardi di dollari, e che si prevede supererà la soglia dei 33 miliardi di dollari entro il 2026, stando alle previsioni di Media Industry Outlook.

Conclusioni

In sintesi, l’esperienza di gioco in Italia si sta evolvendo attraverso diversi fattori. In primis l’integrazione di nuove tecnologie, sempre più innovative, unite ad un cambiamento culturale che vede gli utenti sempre più interessati a comparti come il mobile, la realtà virtuale e il live gambling. Per non parlare degli eSports, che finalmente vedono protagonista anche l’Italia, colpevolmente assente per troppo tempo.

I prossimi anni saranno decisivi per comprendere l’impatto a lungo termine di questi cambiamenti, e per stabilire come l’Italia si posizionerà nel panorama del gaming globale. Ad oggi, però, possiamo affermare che i risultati e i dati sono molto positivi, e che anche il nostro paese sembra destinato a ritagliarsi uno spazio importante nella nuova era del gaming.

(articolo promoredazionale)

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS