Colonia argentina alla Rata, Ruibal contro Acoglanis: “Questi personaggi fanno male al calcio”

Franco Ruibal potrebbe andare alla Maceratese

PROMOZIONE – L’attaccante: “Lui non è il mio procuratore”, anche la società e il mister prendono le distanze seccamente

Dopo il duro sfogo di ieri di Diego Acoglanis, procuratore argentino stizzito da alcune operazioni della Maceratese, arriva la riposta di uno dei diretti interessati ovvero l’attaccante Franco Ruibal: “Questi personaggi fanno male al calcio – dice Ruibal – Ancora non ho firmato per la Maceratese ma posso dire che lui non è il mio procuratore perché io non ho firmato niente con lui. Anzi, dirò di più: lui lasciava per strada i giocatori come successo a Civitanova quando lui non è mai venuto a darci una mano nei momenti di difficoltà. Io sono il mio procuratore, l’ho già detto a Nocera quando mi ha telefonato. Diego ti contatta solo quando vede una possibilità di guadagnare e tutte le cose dette ieri (leggi) sono bugie. Il mondo del calcio è pieno di questi personaggi e purtroppo chi paga tutto siamo noi calciatori. E’ facile parlare da una sedia quando quello che fa il sacrificio è il giocatore”.

Maceratese
Francesco Nocera

Sul tema è intervenuta anche la società biancorossa in risposta alle dichiarazioni di Acoglanis: “Il modus operandi della società biancorossa, in fase di mercato, è sempre lo stesso: prima di affrontare qualsiasi trattativa chiarisce con il diretto interessato se questi è assistito o meno da procuratore. In caso di risposta positiva e comprovata la serietà dell’intermediario il tavolo di trattativa si concentra su quest’ultimo. Spesso e volentieri riscontriamo proprio dal giocatore stesso la totale riluttanza nell’essere gestito da un procuratore”.

Riportiamo inoltre le dichiarazioni del tecnico Francesco Nocera: ”Sono l’allenatore della Maceratese e faccio solo ed esclusivamente gli interessi della società. Ci sono personaggi che vivono di regali, io sono un professionista e non li accetto da nessuno. Dalle gravi e lesive accuse mi vedo costretto a tutelare la mia onorabilità riservando azioni nelle sedi opportune”. Anche la Maceratese si avvale della possibilità di agire legalmente nei confronti del signor Acoglanis.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana