Cognigni cinque anni e tre mesi dopo, Bugaro contro la sua città: Fermana ancora in emergenza

Luca Cognigni

SERIE C – Canarini al Del Conero con l’Ancona Matelica. Difesa da reinventare, l’attaccante torna nel luogo del delitto

Quante storie s’intrecciano in Ancona Matelica – Fermana. Tre squadre in ballo, di cui due fuse in una quest’estate. Luca Cognigni è un ex Matelica e un ex Ancona. In Serie D coi biancorossi maceratesi siglò caterve di reti tanto da meritarsi la chiamata dalla C. Il Carpi, proprietario del suo cartellino, lo diede infatti ai biancorossi anconetani in Lega Pro.

Due anni più una partita. La prima e ultima della terza stagione. In Tim Cup, il 31 luglio 2016, in Ancona-Sudtirol capitan Cognigni aveva appena siglato una tripletta quando fu colpito duro al ginocchio. Crociato rotto, operazioni sbagliate, carriera a rischio. Luca è poi tornato calciatore con la Fermana, squadra della sua città. Cinque anni e tre mesi dopo rimetterà piedi al Del Conero.

Poi c’è Bugaro. Presumibilmente l’esterno della Fermana, all’esordio in categoria, partirà dalla panchina, lui che è anconetano doc e pure ex Matelica: con Canil e Colavitto vinse il campionato di D nel 2019-20. A proposito di ex, Marco Frediani è una vecchia conoscenza dell’Ancona – un anno e mezzo con Cognigni tra il gennaio 2016 e il giugno 2017 – ma il romano rischia di non partire titolare complice una condizione non ottimale. Poi c’è il fresco ex Matelica Malick Mbaye, oltre agli ex Fermana Gasperi e Rolfini, meteore al Recchioni ma grandi protagonisti ora dall’altra parte.

Insomma, ne regala di spunti il derby del Del Conero. Domani (sabato) alle 17.30 il fischio d’inizio. Per la Fermana continua l’emergenza. Urbinati e Rossoni non hanno recuperato, Corinus è squalificato. Probabile che Ettore Marchi – in distinta – parta dalla panchina come pure Edoardo Scrosta, finalmente disponibile. Possibile il ritorno al 3-4-2-1 di Pescara con Pannitteri all’ala destra, mentre Rodio ed Alagna potrebbero essere gli altri due under a partire dall’inizio. Sperotto dovrà stringere i denti.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia