Cna e Quintana: altro splendido connubio per gli “Ori delle Dame”

Stupendi i lavori realizzati dai maestri orafi

Prosegue il  sodalizio tra la Cna di Ascoli e la Quintana in occasione della Giostra di Agosto  con la consegna degli “Ori delle Dame“. Anche quest’anno, infatti, i maestri orafi della Cna di Ascoli hanno realizzato i gioielli che andranno a impreziosire gli abiti delle dame scelte per rappresentare i sei sestieri cittadini durante il corteo di domenica. L’edizione di quest’anno ha visto protagonisti i maestri orafi Giuseppe Coccia, che per l’occasione ha realizzato il gioiello che durante il corteo sarà indossato da Marianna Velenosi di Sant’Emidio), Pietro Angelini per Romina Ripani di Porta Maggiore e Valeria Camaiani di Porta Romana, Silvano Zanchi per Maria Giovanna Allevi della Piazzarola, Davide De Iulis per Valentina Formica di Porta Tufilla e Marilina Gasparrini per Maja Alberti di Porta Solestà.

“Questa è una delle manifestazioni più importanti d’Italia-sottolinea il presidente della Camera di Commercio delle Marche Gino Sabatini– La Quintana può uscire dai nostri confini per essere riproposta come mezzo di promozione turistica”. La presidente della Cna picena Arianna Trillini sottolinea che “Gli artigiani sanno realizzare delle opere d’arte, in questo caso, saranno indossate dalle dame per dare un giusto lustro alle capacità degli orafi di livello. Si unisce la nostra arte all’impegno che Ascoli mette nella Quintana”. 

L’assessore agli Eventi Monia Vallesi sottolinea che “C’è un bel connubio con il Consiglio degli anziani, sempre sinergico nel promuovere la Quintana. L’artigianato da lustro e bellezza ad un evento che rappresenta la città di Ascoli. L’artigiano è la ricchezza più importante che abbiamo». Il presidente del Consiglio degli anziani Massimo Massetti sottolinea che “La Quintana è un bene cittadino da preservare. Alle dame dico di godersi questo momento perché è un qualcosa che si ricorderà per tutta la vita». Il direttore della Cna provinciale Francesco Balloni conclude sottolineando che « Bisogna essere bravi e capaci ad innovare questa manifestazione che si riconosce molto in  una città e che può essere al centro di tante iniziative nel futuro”.

Author:

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS