Civitanova verso le comunali: chi sarà il candidato del centrosinistra?

di Aldo Caporaletti

La discussione nata intorno alla proposta, avanzata dalla lista “la Nuova Città”, di candidare a sindaco l’avv. Mario Perugini – ma il professionista ha immeditamente chiarito di non essere in campo (leggi) – pone l’interrogativo su chi sarà la figura che rappresenterà il centrosinistra, quale candidato primo cittadino,alle elezioni amministrative in programma a Civitanova Marche per la primavera del 2022.

 

Appare evidente che quelli in corso sono movimenti delle liste civiche intorno alla formazione maggiore, il Pd, affinchè quest’ultima si apra alla scelta di una figura della società civile legittimata dalle primarie, che sia in grado di contendere il successo al candidato del centrodestra, che con ogni probabilità sarà il sindaco uscente, Ciarapica, con la connotazione politica dell’adesione a Forza Italia. Il Pd, dal canto suo, resta in attesa di una conferma da Francesco Micucci – figlio di uno dei leader democratici nonché politico di lungo corso, Galliano – a cui ha proposto la candidatura a sindaco. Francesco, dopo l’amara sconfitta alle Regionali, da capogruppo uscente, ci sta pensando per non compromettere la sua carriera politica; intanto scorre tempo prezioso per il centrosinistra chiamato a recuperare.

E’ il poco rinnovamento che i partner della coalizione rimproverano al Pd, ingessato intorno a vecchi leader come il 70enne Giulio Silenzi, sindaco di Monte San Giusto nel 1975 (con nello studio il ritratto del presidente Leone). Silenzi è molto attivo sul quotidiano on-line di famiglia e sui social, ma il modo di condurre la battaglia politica, fatto di livorosi attacchi personali, risulta datato e inefficace. Viene data in ascesa Mirella Franco, matura signora pugliese a Civitanova per motivi di lavoro, che nella precedente amministrazione cumulava gli incarichi di capogruppo e segretaria cittadina Pd; mentre l’attuale segretario, Guido Frinconi – figlio del sindaco socialista dei primi anni ’90, Augusto – i cui interventi sono proposti col contagocce, non appare elemento deternimante nelle decisioni di partito.

 

Non hanno avuto riconosciuto un peso decisionale all’interno del Pd, candidati inseriti in lista nelle amministrative del 2017 – che riportarono ottimi risultati personali, superando ampiamente le 100 preferenze – spendibili per promuovere un credibile processo di ricambio interno; il rinnovamento, come logica chiede, non dovrebbe arrestarsi alle elezioni per catturare consensi, ma essere impegno costante. Le liste civiche che si muovono più attivamente sono la storica “la Nuova Città”, con leader di riferimento l’arch. Piero Gismondi (vicesindaco della sindaca Barbara Pistilli negli anni ’90), rappresentata in consiglio comunale dall’ex assessore Marco Poeta e “Fututo in Comune”, facente capo all’ex sindaco Tommaso Corvatta, la cui scelta, da parte Pd, dell’ultimo momento pesò sulla rielezione.

Dovrebbe essere della partita da subito, considerato il collegamento al ballottaggio con il candidato sindaco Corvatta (a cui non portò, però, i consensi sperati) alle precedenti Comunali, Stefano Ghio, autore di un ottimo risultato al primo turno (19%); mentre potrebbe esssere riproposta la civica “Civitanova Cambia”, che esprime il consigliere Pier Paolo Rossi, in virtù del lusinghiero risultato del 2017. Sarà varata nel centrosinistra di Civitanova, alle prossime Comunali, l’alleanza con i Cinque Stelle, che nelle amministrative del 2017, con il candidato sindaco e attuale leader, Mei, superarono la doppia cifra (12 %); la figura di riferimento è la deputata (componente della commissione Esteri), Mirella Emilozzi e nel movimento locale, dopo l’abbandono del fondatore, Bottiglieri, è in corso il rinnovamento. Mancano pochi mesi all’inizio dell’estate ed è chiaro che alla ripresa delle attività – le elezioni amministrative saranno fissate per la primavera del 2022 – arriverà il momento delle scelte e allora sapremo se il candidato sindaco del centrosinistra sarà Francesco Micucci, sul cui successo le liste civiche non sono disposte a scommettere, oppure una personalità della società civile espressa dalle primarie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia